Palermo in cerca di nuovi acquirenti, Follieri alla finestra: c’è ultimatum della Lega di B, entro 48 ore…

Palermo in cerca di nuovi acquirenti, Follieri alla finestra: c’è ultimatum della Lega di B, entro 48 ore…

Attesi entro quarantotto ore i tre milioni di Alyssa, mentre in via Rosellini aspettano un vecchio pagamento: intanto gli inglesi escono di scena ed il club rosanero è in cerca di nuovi acquirenti

Per il Palermo “british” adesso non c’è davvero più tempo.

(Palermo “british” già finito: Richardson esce di scena e Treacy medita l’addio, le accuse a Facile e Coen…)

Le scadenze ravvicinate che tallonano il club rosanero ormai non possono far altro che accelerare ulteriormente il processo di uscita dalla società della proprietà inglese. Secondo quanto riportato questa mattina da Il Giornale di Sicilia, infatti, vi sarebbe una sostanziale apertura all’approdo di nuovi acquirenti, proprio nella settimana in cui dovrebbe giungere il tanto atteso bonifico da tre milioni annunciato nel corso del più recente consiglio di amministrazione. Intanto la Lega di B rimane sempre in attesa di documenti idonei sulla solidità economica di chi ha acquisito le quote del club siciliano ma non solo:

Negli uffici milanesi attenderebbero pure un pagamento per un saldo negativo sulle operazioni di mercato della stagione in corso, con scadenza a dir poco immediata. Per questo la porta è aperta a nuove soluzioni, già al lavoro da tempo per prendere possesso delle quote. Affare non semplice, ma già c’è una sostanziale differenza rispetto a qualche giorno fa, quando Facile disse apertamente che chi avesse intenzione di metter soldi nel Palermo poteva acquistare quote della Sport Capital Group. Adesso c’è l’apertura ad un definitivo passaggio di consegne, soprattutto dopo la diaspora inglese e tutto quel che ne è conseguito“.

(Cessione Palermo, Richardson: “Holdsworth ingaggiato da Facile come ds fino a fine stagione. Poi il licenziamento di Foschi…”)

Il problema principale, secondo quanto riferito all’interno della propria edizione odierna dal noto quotidiano regionale, sarebbe che ad essere in vendita non potrebbe essere solo il club rosanero, ma l’intera capogruppo quotata in NEX, poiché proprietaria anche del marchio tramite Mepal. Il traguardo finale è fissato per questo week-end, quando nelle casse societarie dovrebbero arrivare i tre milioni da Alyssa annunciati nel corso dell’ultimo CdA da John Michael Treacy pochi giorni prima di lasciare anche lui, come Clive Richardson, la società siciliana. Un addio che non lascerebbe trasparire nulla di positivo relativamente al versamento di tale assegno, ma il Palermo Calcio avrebbe un urgente bisogno di quel denaro ed i legali della vecchia proprietà del club di Viale del Fante, per questa impellente ragione, si sarebbero già attivati per trovarli da altre sorgenti.

(Caos Palermo, Richardson rivela: “Mi sono dimesso. Credevamo che la company avesse 30 milioni, ci ho rimesso pure le spese…”)

L’uomo chiave per un nuovo closing sarebbe ancora una volta l’avvocato Bettini, ossia colui che ha già curato il passaggio dall’ex patron Maurizio Zamparini al gruppo inglese e che adesso starebbe facendo nuovamente da tramite con gli aspiranti nuovi investitori, che tanto nuovi in realtà non sarebbero: difatti in pole position vi sarebbe sempre l’uomo d’affari pugliese Raffaello Follieri, così come il gruppo americano che aveva approcciato l’imprenditore friulano a partire dallo scorso maggio sarebbe in corsa ed attenderebbe alla finestra anche la cordata di imprenditori palermitani che sembrava potesse avere uno spiraglio di ingresso con gli acquirenti inglesi, salvo poi non essersi convinti del tutto della fattibilità del progetto legato al club rosa. Fra questi, il gruppo statunitense parrebbe essere quello che lavora da più tempo all’operazione e che sul piano finanziario potrebbe contare su basi più solide e sicure su cui lavorare, ma chi ha cercato di accelerare nell’ultima settimana è stato proprio il finanziere foggiano:

da venerdì è al lavoro con i propri legali per portare avanti una due diligence in tempi rapidissimi e, tramite l’interfaccia di Bettini, ha avuto un contatto con Facile. Sarebbe dovuto venire a Palermo ieri, invece in Sicilia non è mai arrivato, annullando anche gli appuntamenti che aveva preso relativamente ad una sua futura acquisizione. Non che sia fuori dai giochi, però chiaramente qualcosa non è andata per il verso giusto. Perché in questa società nessuno ha ancora capito realmente chi sia l’interlocutore principale, ben prima dell’uscita di scena di Richardson, che ha attaccato duramente Facile e Coen accusandoli di avergli fatto credere che avessero a disposizione 30 milioni di sterline. Chi vuole comprare il Palermo, in pratica, deve parlare con Sport Capital Group, ovvero con i soggetti che hanno deciso di lasciare il consiglio di amministrazione di Viale del Fante. Più che Richardson, però, l’interlocutore principale sembra essere Treacy, in quanto rappresentante di Eight Capital (ovvero l’unico soggetto ad aver immesso soldi nella capogruppo, seppur meno di 150 mila euro)“.

(Cessione Palermo, Richardson: “Proprietari? Neanche io so chi siano! I milioni attesi non arriveranno…”)

Il problema reale, però, sarebbe che le trattative andrebbero intavolate decisamente più in fretta possibile, poiché il tempo starebbe ormai per scadere: venerdì sarebbero attesi i tre milioni di Alyssa ma parrebbe che entro quella data debbano essere risolte delle pendenze con la Lega di B in merito ad un saldo negativo in camera di compensazione, ossia il meccanismo che regola il mercato interno alla FIGC. Una settimana dopo scatterà la scadenza più pesante, ovvero quella del pagamento degli stipendi di dicembre e gennaio, che se non dovessero essere saldati costeranno un deferimento dalla Covisoc con il rischio di una penalizzazione per -2 in classifica nel torneo di Serie B. Una prospettiva di certo pericolosa ma comunque non la più allarmante fra tutte. Nelle casse del Palermo Calcio devono in ogni caso entrare dei soldi ed anche velocemente, cosa già intimata dall’ormai ex patron Maurizio Zamparini con la messa in mora della capogruppo londinese.

(Cessione Palermo, Richardson: “Vi spiego il ruolo di Sheehan, è stato lui a presentarmi Coen. Ecco perché è andato via…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy