Primavera: Giudice Sportivo cambia la classifica del Girone del Palermo, ecco la nuova graduatoria

Primavera: Giudice Sportivo cambia la classifica del Girone del Palermo, ecco la nuova graduatoria

Cambia ufficialmente la classifica del girone del Palermo.

Commenta per primo!

Un’ingenuità pagata a caro prezzo alla Primavera del Crotone.

Come raccontato qualche giorno fa (qui l’articolo), la squadra giovanile dei calabresi aveva schierato contro il Frosinone un calciatore squalificato, Cristian Riggio, e perciò il punteggio maturato sul campo (2-0 in favore dei crotonesi) non è stato confermato dal Giudice Sportivo che, in occasione della riunione odierna, ha assunto la seguente decisione.

CAMPIONATO PRIMAVERA TIM – TROFEO GIACINTO FACCHETTI

Gare del 9-10-11-12-13 marzo 2016 – Nona giornata ritorno

In base alle risultanze degli atti ufficiali si deliberano i provvedimenti disciplinari che seguono, con riserva dell’assunzione di altre eventuali decisioni, in attesa del ricevimento degli elenchi di gara:

Gara soc. CROTONE – soc. FROSINONE

Esaminati gli atti ufficiali,

• rilevato che la Soc. Crotone ha schierato in campo il calciatore RIGGIO Cristian che risultava squalificato (C.U. n. 175 dell’8 marzo 2016);

• visto l’art. 17 n. 5 del C.G.S.

delibera di infliggere:
a) alla Soc. Crotone la punizione sportiva della perdita della gara, con assegnazione di gara vinta alla Soc. Frosinone con il punteggio di 0-3;

b) ai calciatori le sanzioni inserite nel prosieguo del presente Comunicato Ufficiale;
c) al Dirigente accompagnatore ufficiale NEBBIOSO Augusto (Soc. Crotone) l’ammonizione con diffida.

Ecco la nuova classifica del Girone C, quello del Palermo (che intanto è impegnato nella Viareggio Cup, qui la partita odierna).

Roma 49
Palermo 46
Lazio 39
Frosinone 39
Empoli 37
Pescara 37
Ascoli Picchio 35
Crotone 34
Virtus Lanciano 27
Napoli 25
Bari 24
Ternana 23
Latina 22
Avellino 5

VIAREGGIO CUP, LA CLASSIFICA DEL GIRONE DEL PALERMO

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy