Cessione Palermo: i dettagli sull’incontro coi cinesi, a Zamparini rimarrebbe il 25% per almeno 2-3 anni

Cessione Palermo: i dettagli sull’incontro coi cinesi, a Zamparini rimarrebbe il 25% per almeno 2-3 anni

Tramontata definitivamente la pista Cascio, il Palermo si spinge ad Oriente per quanto riguarda la cessione della società. All’inizio della prossima settimana la delegazione cinese arriverà in Italia.

1 Commento

Una lettera ai tifosi rosanero che ha ribadito ciò che ormai si prevedeva da alcune settimane.

Frank Cascio abbandona anzitempo la corsa all’acquisto del Palermo e lascia campo libero alla cordata cinese. Il club di viale del Fante si spinge ad Oriente: nei prossimi giorni dovrebbero entrare nel vivo le negoziazioni con il gruppo d’investimento asiatico che sin dal primo istante aveva catturato le attenzioni di Zamparini, specialmente per questioni extra-calcistiche.

A rivelare ulteriori dettagli relativamente all’incontro coi cinesi, l’edizione odierna de ‘La Repubblica‘, secondo cui le parti si vedranno a Vergiate, negli uffici del patron friulano a metà settimana: prima si terrò un incontro con il manager che sta facendo da tramite per l’affare; poi, all’inizio della prossima settimana, quando la delegazione cinese arriverà in Italia, si passerà alla fase operativa. Sono giorni, questi, in cui la trattativa potrebbe subire un’accelerata decisiva. Per Zamparini – riferisce il quotidiano diretto da Calabresi – la cessione del Palermo ai cinesi equivale a una speranza da duecento milioni di euro. Duecento milioni è quanto il colosso delle costruzioni cinese (che avrebbe già il bene placito del governo di Pechino) intende investire tra società e le realizzazioni di un nuovo stadio e di un centro sportivo (certamente non più a Carini). “Un affare che potrebbe essere una parte di affari ancora più economicamente rilevanti tra i cinesi e il Gruppo Zamparini. Affari che non avrebbero niente a che vedere con il calcio e potrebbero interessare il settore del turismo, dell’agricoltura biologica e delle energie alternative che sono gli altri campi nei quali si muove la holding del presidente del Palermo – si legge su ‘La Repubblica’ -. I cinesi, intesi come colosso delle costruzioni e governo di Pechino, acquisterebbero in un primo momento il settantacinque per cento del Palermo, lasciando il venticinque per cento a Zamparini per almeno due o tre anni“.

LEGGI ANCHE:

Faggiano a Mediagol: “Ricevuti i complimenti da Bonucci e Marotta, ma volevamo vincere. Posavec, la scommessa di Zamparini. Aleesami ha un segreto, sul futuro del club e il mercato…”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. matias - 2 mesi fa

    Adesso che Cascio se n’è uscito.. speriamo che questi cinesi esistano davvero!!
    Anche se ho l’impressione che Zamparini ha usato i cinesi per tirare di più il prezzo; e invece Cascio dice di essersi ritirato per vedere se esistono veramente, ma in fondo secondo me è ancora interessato..
    vedremo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy