Faggiano a Mediagol: “Ricevuti i complimenti da Bonucci e Marotta, ma volevamo vincere. Posavec, la scommessa di Zamparini. Aleesami ha un segreto, sul futuro del club e il mercato…”

Faggiano a Mediagol: “Ricevuti i complimenti da Bonucci e Marotta, ma volevamo vincere. Posavec, la scommessa di Zamparini. Aleesami ha un segreto, sul futuro del club e il mercato…”

L’intervista in versione integrale rilasciata dal direttore sportivo del Palermo, Daniele Faggiano, ai nostri microfoni. “De Zerbi punta sempre a vincere. Certe volte è meglio giocar male, ma far punti, che il contrario”.

4 commenti

L’intervista

Avere l’amaro in bocca e non riuscire a celarlo.

La prestazione super sfoggiata contro la Juventus è servita al Palermo per ritrovare entusiasmo e, soprattutto, per far rendere conto a tutti del fatto che la strada tracciata da Roberto De Zerbi è quella giusta. I punti, tuttavia, sono finiti tutti in tasca ai bianconeri, per effetto di uno sfortunato autogol di Edoardo Goldaniga. “Era dal 2011 che il Palermo non giocava alla pari contro la Juventus sul piano tecnico? Sì, ma dobbiamo restare sempre coi piedi per terra. Per noi la prestazione contro la Juve è un punto di partenza e non un punto d’arrivo – ha spiegato il direttore sportivo del Palermo, Daniele Faggiano, ai microfoni di Mediagol.it nel corso della trasmissione radiofonica in onda sulle frequenze di Radio Action -. A noi interessa far punti. E’ normale che ci sia entusiasmo, perché abbiamo giocato bene; però alle volte è meglio giocar male e portare a casa punti, e non il contrario“.

Sfoglia le schede per leggere il resto dell’intervista rilasciata da Faggiano

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enzo Raccuglia - 2 mesi fa

    Leggo di prestazione super…andate a vedere le 3 partite in casa tutte perse e nessun tiro in porta.Possono prendere in giro solo gli incompetenti !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VitoChimenti - 2 mesi fa

      infatti. abbiamo perso contro le prime tre della classifica. per fortuna ci sei tu che ne sai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enzovinci121_371 - 2 mesi fa

    risate rilassatezza bel gioco applausi fiducia….e i punti dove sono? siamo terzultimi in questo turno di campionato un punto sarebbe stato oro e verrebbe da dire che non farlo in una giornata in cui la juve ha avuto qualche problema è un demerito….io sono contro chi senza competenza parlava di squadra scarsa e di giocatori modesti però è anche vero che per rimanere in A bisogna fare punti….e per fare punti bisogna buttarla dentro….fare bel gioco fine a se stesso non serve a nulla….ci vuole concretezza….sarà un campionato difficile a parte il crotone ci sono diverse squadre che gia si trovano in bassa classifica e sono ben attrezzate vedi Samp Atalanta Udinese….tutti pensano di avere buoni giocatori e tutti pretendono di fare risultato…quindi bisogna lottare e sperare di farcela….il Palermo ha problemi in attacco evidenti e DeZerbi deve trovare delle soluzioni è pur vero che abbiamo avuto un calendario veramente difficile avendo giocato le prime tre in casa con le prime tra in classifica ma in casa non abbiamo ancora segnato seppure abbiamo pagato anche il brutto lavoro (e comportamento) di Ballardini….il grande assente è il pubblico sabato avessimo avuto un grande pubblico un golo a fine partita lo avremmo fatto….io l’ho sempre detto il pubblico di Palermo è un falso mito di passione…tante città hanno tifosi molto più passionali e attaccati alla squadra….a palermo i tifosi si vedono quando le cose vanno bene…speriamo cambi il vento….cmq io sabato avrei fayyo giocare nestov insieme a balogh nel secondo tempo visto che Deze predica coraggio il primo ad essere coraggioso deve essere lui….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VitoChimenti - 2 mesi fa

      Capisco le tue parole, ma come tu stesso dici dobbiamo sempre tenere presente che siamo una squadra in costruzione e abbiamo incontrato avversari particolarmente difficili. La storia della crisi della juventus personalmente non mi convince. Non puoi farne 4 al Cagliari, e 4 alla Dinamo Zagabria se sei in crisi. Se hanno avuto qualche problema e’ solo perche’ sono rimasti imbrigliati nelle maglie del Palermo che ha giocato in maniera ordinata. Io mi rifaccio alle parole di De Zerbi: c’e’differenza tra coraggio e presunzione. In merito alle soluzioni offensive siamo tutti d’accordo: c’e’ da lavorare. Per questo motivo li lascerei tranquilli fino a fine Ottobre. A quel punto vedremo la squadra fatta e finita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy