Maradona: “Messi e il ritiro dalla Nazionale? Tutta una messa in scena”

El Pibe de Oro accusa l’asso del Barcellona: “Quella sua potrebbe essere stata tutta una messa in scena per farci dimenticare che lui e i suoi compagni hanno perso tre finali di fila”.

Commenta per primo!

Meno di due mesi per ripensarci.

Al triplice fischio di Argentina-Cile, finale della Copa America Centenario, Leo Messi si era arreso al destino, annunciando che quello appena disputato (e perso) sarebbe stato il suo ultimo match con la maglia dell’Albiceleste.

Un annuncio che a 29 anni aveva colto tutti di sorpresa, nessun escluso. Con il cambio di guida tecnica (Bauza ha rilevato il dimissionario Gerardo ‘TataMartino) e l’arrivo di agosto, le voci su un suo probabile ripensamento si sono fatte più insistenti. Si procedeva verso un’unica direzione, anche se il totem del calcio argentino, Diego Armando Maradona, manteneva lo scetticismo.

Maradona: “Messi non tornerà in Nazionale, l’Argentina rischia grosso. Perso contro chi gioca a baseball”, dichiarava El Pibe de Oro l’11 agosto. Poche ore più tardi la smentita ufficiale: Messi fa dietrofront e riabbraccia la Seleccion.

Argentina: Messi ha comunicato al ct Bauza che tornerà a vestire la maglia della Nazionale

A due settimane da quell’annuncio, torna a parlare proprio Maradona, che come al solito non sottilizza troppo tra diplomazia e spontaneità. “A mio avviso abbiamo assistito a una messa in scena – dice l’ex n.10 del Napoli -. Una messa in scena bella e buona. Probabilmente quella sera di fine giugno (al termine della finale persa contro il Cile, ndr), Messi ha voluto spostare l’attenzione su altro e non sul fatto che lui e i suoi compagni avevano perso tre finali di fila (quelle contro la Germania ai Mondiali e contro il Cile nelle due edizioni consecutive della Copa America, ndr). Un ragazzo che prima dice di mollare e poi fa questo passo indietro, nel giro di poche settimane, non dimostra di avere tutte le rotelle a posto”.

LEGGI ANCHE:

Calciomercato Palermo: futuro Mario Balotelli, il ds Faggiano non molla la presa. Le ultime

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy