Juventus, Kean: “Andare via mi è dispiaciuto, ai tifosi dico una cosa. Chiellini? Come un fratello”

Ecco le parole dell’attaccante del PSG

juventus

Tornare alla Juventus? Ancora non lo so.

Così Moise Kean, giovane attaccante del PSG intervenuto rispetto al suo recente passato con la maglia della Juventus e su un eventuale ritorno tra i ranghi della Vecchia Signora. Il giocatore nato a Vercelli si sta rendendo protagonista di una stagione fantastica con la maglia dei parigini, con i quali ha finora messo a segno ben dodici reti in appena ventitre presenze. Un bottino invidiabile quello del giovane classe 2000, esploso calcisticamente proprio tra le fila del club bianconera. In un’intervista esclusiva concessa ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, il numero 18 dei transalpini ha parlato in primo luogo proprio di un suo possibile ritorno a Torino e al suo finale  di stagione con la franchigia francese.

Juventus, Danilo: “Bilancio positivo, aspettiamo la Coppa Italia. Superlega? Alla UEFA dico una cosa”

Ecco le sue parole:“Andare via dalla Juve mi è dispiaciuto, non sarei dove sono ora senza il club bianconero, è una squadra che mi resterà sempre nel cuore, ma nella vita di un calciatore vanno fatte anche determinate scelte. Non lo so se ci tornerò il prossimo anno, intanto mi godo il finale di stagione qui al Psg. Chiellini? Van Dijk è il difensore più tosto che ho mai affrontato, ma anche Giorgio  non scherza. Fortunatamente l’ho incrociato solo in allenamento, ma ho ancora una cicatrice come ricordo. Per me alla Juve è stato come un fratello maggiore, mi ha dato un sacco di consigli che mi porto dietro con me”. 

Juventus, Aronica: “Dybala? A Palermo ho visto un talento puro, gli è mancata una cosa. Tutto su Pirlo e la Superlega”

Chiosa finale dell’attaccante dei parigini in merito all’Europeo 2021 e al suo ruolo abbastanza variabile in campo:”Europei? Siamo migliorati molto, l’Italia è un’ottima squadra fatta da giocatori forti e da un allenatore di primissimo livello. Sono convinto che all’Europeo faremo molto bene. Io gioco dove vuole l’allenatore, mi importa solo stare in campo, esterno o punta per me è uguale, ho solo bisogno delle giuste motivazioni per sentirmi importante per la squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy