Collina: “Moviola in campo ok, ma non risolverà tutto. In futuro rivedremo il fuorigioco”

Collina: “Moviola in campo ok, ma non risolverà tutto. In futuro rivedremo il fuorigioco”

Le parole del numero uno degli arbitri UEFA.

di Mediagol3, @Mediagol

“Se oggi fossi un arbitro sarei frustrato dall’essere valutato in base a immagini che in campo non ho, e non per la mia bravura. Poi credo che prima di dare un giudizio occorra sempre sperimentare ed è questo che l’Ifab ha deciso”. Lo ha detto Pierluigi Collina, capo degli arbitri Uefa, a ‘La Gazzetta dello Sport’. L’International Board ha detto sì all’utilizzo della moviola in campo, segnando probabilmente una svolta storica per il mondo del calcio. Dalla prossima stagione si co­min­cerà con i test of­fli­ne, ef­fet­tua­ti cioè nei ra­du­ni ar­bi­tra­li e anche in par­ti­ta ma senza ri­ve­lar­ne i ri­sul­ta­ti. Solo per de­fi­ni­re un pro­to­col­lo più pre­ci­so. La du­ra­ta di que­sta prima fase non è an­co­ra fis­sa­ta, ma po­treb­be pro­trar­si anche per un anno. “Infantino ha detto che occorre essere aperti alle istanze del calcio, sono d’accordo. Ora vediamo, studiamo. Quindi decidiamo se e come si può applicare. Interagire con il video? Dipende da come sarà regolamentato l’uso – ha dichiarato Collina -. L’obiettivo è che rispetti il principio ispiratore: la fluidità del gioco. L’ideale è che decida l’arbitro, anche per legittimazione. Però l’assistente servirà sempre, anche per far notare situazioni sfuggite all’occhio umano”.

RISCHI – “Intanto cominciamo. La sperimentazione è lunga proprio per capire cosa può succedere. Snaturare il gioco? Sì, se non ne sarà rispettato il flusso. Ma c’è un altro rischio: che non sempre dal video arrivi una risposta definitiva. Meglio non illudersi che risolva tutto. Molte decisioni sono frutto dell’interpretazione soggettiva. Non è come la GLT che dà una risposta oggettiva per il gol non gol. Esempio: l’intensità di una spinta o la punibilità di un fallo di mano possono essere diverse se viste in campo o in tv. Sarà un passo in avanti, perché oggi criticare gli arbitri è come criticare un medico dell’Ottocento che faceva diagnosi non precise. Non era meno bravo di quelli di oggi, ma non aveva Tac e raggi X”.

ALTRE NOVITÀ – “La più importante è l’abolizione della tripla sanzione: il calcio la chiedeva da anni, Infantino è stato bravo a convincere il Board. E poi il fatto che il giocatore infortunato, per fallo punito con ammonizione, possa restare in campo se i soccorsi sono brevi: da anni mi battevo per questo principio di fair play. Per il futuro è da rivedere il fuorigioco: oggi il compito degli assistenti è al limite dell’umano. Comparare la punta di un piede con la testa, su piani diversi, con pochi centimetri di differenza, è quasi impossibile. E poi il fallo di mano: il calcio è sport di movimento, stabilire cosa sia naturale o no non è facile”, ha concluso.

Leggi anche: Futuro Palermo: Zamparini ha incontrato Tacopina a inizio settimana, ma Mike Piazza…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy