Pescara, Sebastiani sulla bomba carta: “Non mi faccio intimidire”

Pescara, Sebastiani sulla bomba carta: “Non mi faccio intimidire”

Le parole del presidente del Pescara dopo l’episodio avvenuto ieri sera.

Commenta per primo!

“Io non mi faccio intimidire e vado avanti per la mia strada. Ma quello che è accaduto è un episodio a dir poco deprecabile, considerando quello che ho fatto per Pescara e il Pescara negli ultimi cinque anni“.

Daniele Sebastiani, presidente del Pescara, racconta all’Ansa il suo stato d’animo dopo l’esplosione di una bomba carta nel suo giardino (clicca qui). “Ero rientrato da poco e all’improvviso ho sentito un boato. Sono sceso in giardino dopo che un vigilante di uno stabilimento balneare che si trova di fronte ha suonato al campanello allarmato dal fumo. Purtroppo gli stadi sono diventati delle zone franche dove si può insultare chiunque, come accade da tempo all’Adriatico. Questa è una società di capitali in cui io e i miei soci abbiamo il 70%, non si può andare via così dalla sera alla mattina. Ci sono firme da mettere e soldi da tirare fuori. Questo, vorrei dire a chi ci insulta, è un sodalizio di persone serie che lavorano per il bene della società”, ha concluso Sebastiani.

Pescara-Palermo: ufficiale, match rinviato a lunedì 22 maggio

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy