Palermo: Ballardini a un passo dall’addio. Tutti i nomi, spuntano Giampaolo e Nicola. Le ultime

Palermo: Ballardini a un passo dall’addio. Tutti i nomi, spuntano Giampaolo e Nicola. Le ultime

La separazione tra il tecnico ravennate e la società di viale del Fante dovrebbe concretizzarsi nelle prossime settimane: tutti i nomi per il dopo-Ballardini.

5 commenti

Davide Ballardini conta le ore che mancano al faccia a faccia con il suo presidente.

Entro questa settimana dovrà confrontarsi con Zamparini per sciogliere ogni dubbio: la domanda a cui si cercherà di rispondere è “chi sarà l’allenatore del Palermo nella stagione 2016-17?”. Il mister ravennate è legato al club da un contratto che scadrà a giugno del 2017, ma ciò non basta. Ballardini vorrebbe, intanto, che questo rapporto venga adeguato sul piano economico, aspetto non proprio digeribile dal patron friulano che nei prossimi giorni accoglierà Rino Foschi in qualità di direttore sportivo. Ecco, Foschi. Proprio il dirigente romagnolo potrebbe rappresentare la “seconda” motivazione per la realizzazione dell’addio dell’allenatore romagnolo.

Palermo: Zamparini, o Foschi o Ballardini. Ecco cosa è successo tra i due nel 2014

Ballardini, dunque, sembra avere le ore contate. E già si prefigura lo scenario dei tecnici in corsa per occupare il posto che si accinge a diventar libero. In pole position ci sarebbe, allo stato attuale, Massimo Oddo del Pescara (occupato questa sera contro il Novara per raggiungere il Trapani in finale Play-Off); in seconda posizione Roberto Stellone, ormai ex del Frosinone, accostato al Chievo, ma anche a Bari e Verona. Subito dietro due profili nuovi, Davide Nicola e Marco Giampaolo. Quest’ultimo – che ha deciso di non proseguire la sua avventura all’Empoli – sarebbe stato accostato alla prestigiosa panchina del Milan, ma sembra parecchio improbabile che possa materializzarsi questo scenario. Ecco perché per il club di viale del Fante potrebbe essere un’idea. Da escludere un eventuale approccio con Rolando Maran, ormai a un passo dall’Atalanta, mentre un colpo a sorpresa sarebbe quello di Stefano Pioli, esonerato da Zamparini nel 2011 senza aver mai giocato gare di campionato, ma solo di Europa League. Il presidente del Palermo ha spesso confessato di essersi pentito di averlo cacciato via senza pensarci troppo.

Tra Ballardini e Foschi, smentite e versioni ufficiali. Un Palermo ancora in sospeso, ma non è da solo

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 12 mesi fa

    ma va…non si era capito che non rimaneva
    forse lo vuole punire perchè si è salvato o perchè ha fatto giocare i senatori??????
    comunque è palese che il vecchio mz non si smentisce mai..gli piace ripartire sempre da zero e ambire al nulla se non alle vendite

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spargi49 - 12 mesi fa

    Non sono pessimista di natura,ma vedo delle “prove tecniche di retrocessione”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Silipo - 12 mesi fa

    Con lui, nessun abbonamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Angelo Russo - 12 mesi fa

    Non andrà sempre bene come quest’anno. Ci riprova di nuovo a far scendere il Palermo in B. Speriamo si trovi qualcuno che lo sostituisca. Proporrei di non abbonarsi, vediamo cosa farà lo zampa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Vito Parisi - 12 mesi fa

    Chi si fa l’abbonamento quest’anno è complice di tutto questo scenario. 0 abbonati, 0 spettatori . E vediamo se fa ancora il brunello. Ancora nemmeno è iniziato il mercato e già ho l’ansia

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy