Empoli, Martusciello: “Ecco come possiamo arrivare davanti a Palermo, Crotone e Pescara”

Empoli, Martusciello: “Ecco come possiamo arrivare davanti a Palermo, Crotone e Pescara”

Parla il tecnico dell’Empoli, Giovanni Martusciello, al termine della partita persa contro l’Atalanta.

Commenta per primo!

Il suo Empoli ha perso meritatamente questa sera contro l’Atalanta. Giovanni Martusciello non usa la retorica e, ai microfoni di Sky Sport, sgrida i suoi uomini e traccia la via per la salvezza.

Palermo, ora tocca a te! L’Empoli ha perso. Vincendo, andresti a -2 dai toscani. E dopo la sosta…

“Fa piacere che Mchedlidze trovi spesso la via del gol, ma gli attaccanti sono pagati per segnare – esordisce il mister azzurro -. Abbiamo perso perché ci siamo distratti negli ultimi 20 minuti? La partita l’avete vista tutti. A me dispiace soprattutto per il primo gol subito, eravamo stanchi e ci hanno schiacciato. Dopo alcune occasioni, alla terza azione pericolosa l’Atalanta ha trovato il gol della vittoria“.

PASSIVI – “Atteggiamento nostro troppo passivo? Sì, oggi sì. Non siamo abituati a soffrire. Purtroppo per le assenze e per la forza dell’Atalanta ci siamo abbassati ulteriormente e abbiamo permesso ai bergamaschi di presentarsi più e più volte dalle parti del nostro portiere. Le energie mentali, più che fisiche, probabilmente non erano al top“.

SALVEZZA – “Gara dopo gara dobbiamo pensare a limitare gli errori e rimanere in gara per tutti e novanta i minuti. Come si può vincere lo sprint salvezza e arrivare davanti a Palermo, Crotone e Pescara? Con serenità e ordine, a mio avviso. La mia squadra deve essere organizzata e mostrare sempre impegno: l’imperativo è non mollare. E’ importante non snaturarci, come invece è avvenuto questa sera. L’Empoli ormai non è più abituato a stare lì sotto, ma ormai è questa la situazione e dobbiamo adeguarci, ha concluso Martusciello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy