Atalanta, il presidente Percassi irrompe negli spogliatoi e alza la voce: “Sto con Gasperini. Giocatori, ora tocca a voi cambiare il trend”

Lunedì il massimo dirigente del club bergamasco aveva incontrato dirigenti e allenatore. Ieri, invece, il colloquio con la squadra in palestra. Chiesto un cambio di rotta sin da stasera nel match contro il Palermo.

Commenta per primo!

Tre punti in quattro partite e un’imbarcata, quella ricevuta a Cagliari per mano dell’ex Borriello, che brucia ancora tanto.

E’ un momento complicato in casa Atalanta: la formazione di Gasperini ha messo nel mirino la partita di stasera contro il Palermo per risollevare gli animi all’interno dello spogliatoio. La società si attende risposte convincenti sin dalle prossime ore e le attende soprattutto dai giocatori. Tra ieri (martedì) e l’altro ieri, infatti, il presidente Percassi è andato a fondo alla questione: si è interrogato su quale fosse il problema e lunedì ha incontrato il tecnico Gasperini e i dirigenti. Da questo primo confronto (parecchio positivo) è scaturito il secondo incontro, quello che di fatto non era in programma: L’Eco di Bergamo racconta di un blitz a sorpresa, ieri pomeriggio, a Zingonia, centro sportivo dei nerazzurri. “Giocatori e allenatore, tutti in palestra! C’è il presidente che vi deve parlare”. E lì sarebbe iniziato il discorso di Percassi. Un discorso che era indirizzato specialmente ai calciatori e che, come premessa, aveva: “Su Gasperini non ho alcun dubbio”. Parole forti, monito pesante da parte del patron bergamasco che sarebbe rimasto deluso da quanto emerso in campo domenica scorsa.

Su le antenne ragazzi, perché io sto senza dubbi con Gasperini. Lui è l’allenatore, è il miglior allenatore possibile, è intoccabile. E adesso vediamo cosa intendete fare voi. Quali saranno i vostri atteggiamenti [il discorso di Percassi ipotizzato da L’Eco di Bergamo]

A questo punto non saranno più due partite a mettere a repentaglio la posizione del tecnico. Casomai adesso sono i giocatori che rischiano di perdere prestigio nello spogliatoio. La partita di questa sera (e fors’anche un bel pezzo di stagione), potrebbe essere segnata già da ieri pomeriggio, dal summit nella palestra di Zingonia.

LEGGI ANCHE:

Sconcerti: “Campionato del Palermo? Vi do la mia chiave di lettura. Stasera, chi perde, si stacca”

De Zerbi: “Per noi è una finale, ma c’è stato poco tempo per lavorare”. Gasp: “Serve la vittoria contro i rosa”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy