Crisi Roma, parla Ranieri: “Di Francesco non deve ascoltare nulla, soltanto con il lavoro si va avanti”

Crisi Roma, parla Ranieri: “Di Francesco non deve ascoltare nulla, soltanto con il lavoro si va avanti”

Il consiglio di Ranieri: “Tifosi, state vicino alla vostra Roma. La squadra ha bisogno di voi per riprendersi”

In bilico il futuro di Eusebio Di Francesco sulla panchina della Roma.

La deludente sconfitta contro il Bologna ha scatenato le polemiche dei tifosi giallorossi, ma l’ex allenatore romanista Claudio Ranieri, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’, ha analizzato la crisi del club capitolino, scagliando una pietra in favore del giovane tecnico: “Eusebio è uno dei migliori giovani tecnici che abbiamo in Italia, ha fatto delle cose stupende. Quest’anno è stata cambiata la squadra, per ragioni di bilancio sono stati venduti tre giocatori che erano la spina dorsale della Roma e ora l’allenatore ha bisogno di stimolare tutti, vede che non trova il bandolo della matassa. Ma io ho fiducia in Di Francesco e spero possa fare il suo lavoro. Dovrebbe dimettersi se in disaccordo? Quando un allenatore firma un contratto sa la filosofia della squadra, quindi sapeva che era necessario vendere pezzi da 90. La Roma fa da diverso tempo così e sapeva a cosa andava incontro. Certo però non si aspettava un rendimento così ridotto dei suoi”.

Un consiglio a Di Francesco: “Capisco che sono parole dette e ridette, ma soltanto con il lavoro si va avanti. Non deve ascoltare nulla, lavorare tantissimo sulla testa dei giocatori perché i calciatori vengono condizionati dall’ambiente. La Roma ha fatto quello che poteva fare. Quando sei condizionato dal Fair Play a vendere i giocatori più richiesti, che sono quelli più bravi, è logico che devi ricominciare il discorso e questo è quello che sta facendo Di Francesco. Bisogna ridare tempo ad allenatore, squadra e società di far quadrare il cerchio. Roma è viscerale, quando le cose vanno bene è subito scudetto e poi si fa presto ad abbattersi. Ai tifosi dico solo di stare vicini alla squadra, solo così i giovani potranno affacciarsi. State vicino alla squadra e la squadra si riprenderà sicuramente”.

Su Francesco Totti: “Non so quanto abbia voluto smettere e quanto lo abbiano portato a smettere. Però ormai è il passato e non possiamo continuare a vivere di ricordi. Il calcio e la vita vanno avanti. La Roma ha fatto questo progetto prendendo giovani in gamba, soltanto che hanno bisogno di maturare. Questa penso sia stata la risposta della società al fatto che non c’è uno stadio di proprietà. Adesso sono chiamati a risposte importanti i giovani. Non credo che il problema sia l’assenza in Italia del presidente. La squadra quando ha dirigenti validi, se il presidente non c’è non è un problema”.

Chiosa finale sul suo futuro: “La voglia di tornare è tanta, torno dove c’è voglia di un progetto e di far bene. Lasciamo 50 e 50 Italia-estero. Nella mia mente c’è la voglia di andare in un progetto forte, serio e che con l’aiuto di tutti si possa far bene. Roma sapete che è nel mio cuore, però mi auguro da tifoso che Di Francesco possa far bene – ha concluso Ranieri –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy