l'intervista

Ag. Lucca-Mediagol: “Tutto sulla cessione. Italia di Mancini, Palermo e le big di A”

⚽️

Svolta societaria e possibile cessione imminente? Da quando Lorenzo è andato via da Palermo non ho più parlato con il presidente Mirri e, tra l'altro, ci siamo parlati un paio di volta all'inizio della nostra avventura e poi ancora quando stavamo pensando a una cessione di Lucca. Non so assolutamente nulla di concreto, ma credo che Palermo sia una piazza appetibile con un potenziale enorme, lo ha dimostrato nei lunghi anni con la proprietà Zamparini. Ha bisogno un'altra volta di una bella flebo di entusiasmo perché io che mi definisco nativo, giudico la città e i sentimenti dei palermitani guardando dal di fuori. Noi siamo un popolo di malinconici e rammentiamo sempre quello che è stato, parliamo sempre di "Renzo Barbera" e dei suoi anni da presidente. Ora ci siamo rimessi a parlare degli anni di Zamparini quando prima doveva essere cancellato dalla storia e messo al bando. Mi auguro che tra un anno qualcuno ricorderà Mirri per un palermitano che ha cercato di fare qualcosa per il Palermo e questo comunque gli va riconosciuto. Ci sta mettendo voglia ed entusiasmo, dirti che questa società venga comprato da un fondo inglese non lo so. È probabile che sarà un inglese o un americano, mi auguro questa seconda ipotesi perché gli americani hanno la caratteristica particolare di non ascoltare e di non curarsi di quello che dicono gli altri. Quello che dice il tifoso è importante in quanto tifoso, ma agli statunitensi non si fanno condizionare sul piano manageriale dagli umori della piazza. Bisogna vedere cosa sta succedendo a Parma, è stato preso il secondo allenatore del City (Maresca ndr) e non gli interessa di quello che dicono e vanno avanti per la loro strada. Spero, dunque, possa essere una società americana più che un fondo inglese. Vi sto dando un indizio...".

tutte le notizie di