Milan-Sampdoria, Gattuso: “Sono soddisfatto, ho visto 23 cani rabbiosi. Caldara ancora out, Calabria…”

Milan-Sampdoria, Gattuso: “Sono soddisfatto, ho visto 23 cani rabbiosi. Caldara ancora out, Calabria…”

Le parole del tecnico del Milan Rino Gattuso al termine del match contro la Sampdoria

Il Milan conquista i tre punti alla decima giornata del campionato di Serie A contro la Sampdoria.

Il tecnico dei rossoneri Rino Gattuso, intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine del match, ha parlato del momento che la sua squadra sta vivendo e delle voci che hanno fatto tremare la sua panchina:
Abbiamo perso un derby all’ultimo e in Europa League, la tensione attorno all’allenatore è normale. Ringrazio la società e i giocatori per l’appoggio che mi hanno dato. Volevo vedere 23 cani rabbiosi e oggi li ho visti, abbinati alla qualità. La Samp fin qui aveva preso 4 gol, noi oggi gliene abbiamo fatti 3. Dobbiamo lavorare e continuare a migliorare e stare bene assieme. La società non ci fa mancare nulla, noi abbiamo il dovere di provarci fino alla fine. In questo momento non posso dire nulla hai ragazzi. In tanti mi chiedete se sono deluso, ma questa squadra dà sempre tutto quello che ha. A volte non arrivano i risultati, ma una squadra che non è forte non vince contro una Sampdoria così forte, così organizzata e allenata da un maestro. Abbiamo tenuto bene il campo, sono soddisfatto. Non so se questo è un nuovo inizio, devo pensare a tirare fuori il meglio, in questo momento tanti addetti ai lavori si aspettano tanto da noi e da me, io devo dare il massimo, devo portare tranquillità e mentalità alla squadra, con l’aiuto della società, che lo sta facendo. Devo ringraziare i miei giocatori per una prestazione di carattere, ora dobbiamo recuperare le energie“.

L’ex centrocampista, inoltre, si è espresso sul cambio di modulo e sulla prestazione degli attaccanti che sono scesi in campo:
Bisogna analizzare bene, abbiamo giocato il 4-4-2, ma Suso e Laxalt spesso hanno fatto le mezz’ali, abbiamo messo la miglior squadra in campo. Ieri è stata una giornataccia, abbiamo perso Bonaventura, dobbiamo ringraziare Kessié e gli altri giocatori che non stavano bene, ma hanno dato la loro disponibilità. Suso e Laxalt non hanno fatto le ali pure in fasi di non possesso. Abbiamo vinto, ma non perchè avevamo due attaccanti, è stata una prestazione importante. Poi l’ho sempre detto, è difficile tenere fuori Patrick, ma partiamo della squadra, non dei singoli. Non c’è solo grinta, sarebbe riduttivo, con la grinta non fai tre gol alla Samp, l’abbiamo abbinata alla qualità“.

Infine, a proposito degli infortunati:
Ieri non è stata una giornata facile. Caldara lo perderemo per un paio di mesi, ci dispiace molto, è una stagione maledetta la sua. Bonaventura stringe i denti da tempo, ha un ginocchio infiammato e ieri non è riuscito ad allenarsi. Calhanoglu ci ha dato grande disponibilità, ma è da valutare. Dobbiamo vedere chi sta bene, senza piangerci addosso, valutiamo anche Calabria“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy