Crotone-Inter, Conte: “Mi sono messo in discussione. Scudetto? Guarderemo l’Atalanta da casa”

Il tecnico dell’Inter dopo il successo contro il Crotone, vittoria che potrebbe valere il 19o scudetto

Inter

Le parole del tecnico nerazzurro, dopo il successo dello Scida contro il Crotone.

Inter

A termine del match in programma all’Ezio Scida contro il Crotone, il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, ha analizzato la vittoria per 2-0 contro la formazione pitagorica intervistato ai microfoni di Sky Sport. Vittoria importantissima per la compagine nerazzurra, che in caso di sconfitta dell’Atalanta, impegnata domani al Mapei Stadium contro il Sassuolo, potrebbe già laurearsi Campione d’Italia, conquistando il suo diciannovesimo scudetto a quattro giornate dal termine del campionato. Di seguito le parole del tecnico pugliese.

VIDEO Crotone-Inter 0-2: Eriksen la sblocca, Hakimi fulminante. Le immagini del match

“Il campionato che stiamo facendo è figlio di una crescita costante che ha avuto la squadra, sotto tutti i punti di vista: tecnico-tattico, ma anche di mentalità e condivisione. Anche di vivere questo momento intensamente. Chi gioca, chi sta in panchina, chi nell’ultimo periodo è stato meno coinvolto… Tutti sappiamo che sta per arrivare qualcosa di straordinario, stiamo riuscendo nell’impresa di far cadere un regno che durava da nove anni. I ragazzi meritano queste soddisfazioni”.

OCCHI PUNTATI ALL’ATALANTA – “Gli avrei dato un po’ di libertà in caso di vittoria, glielo avevo promesso. Dobbiamo stare un po’ con le nostre famiglie. Vedremo la partita nelle nostre case, in maniera serena. Per noi quello che succede domani è relativo, non chiediamo niente a nessuno: noi non dipendiamo da altri, soprattutto dopo un campionato del genere”.

OBIETTIVO QUASI CENTRATO – “C’è stato un processo di crescita evidente. C’era da fare un percorso per arrivare a vincere ed essere considerati dei vincenti. Bisogna fare delle rinunce per fare un campionato così, sacrifici, e non tutti ce la fanno. Io ho trovato un gruppo che ha remato dalla stessa parte, abbiamo condiviso un sogno. Stiamo per entrare nella storia dell’Inter, c’è poco altro da dire…”.

LE DIFFICOLTA’ – “Più difficile vincere a Torino nel primo anno di Juve o quest’anno? Sono state due situazioni di difficoltà enormi, sia da una parte che dall’altra. Anche la Juventus era in un periodo problematico, non c’erano indirizzi e visioni. Sono stato fortunato perché ho trovato un presidente-tifoso e siamo riusciti a fare qualcosa di straordinario. E battemmo il Milan dei grandi nomi, l‘Inter del Triplete. Oggi, invece, mi prendo i frutti della mia scelta più difficile: tanti si sarebbero nascosti dietro alla storia, dietro tante cose. Mi sono messo in discussione. Rimango tifoso di tutte le squadre che ho allenato, ma sono il primo tifoso della squadra di cui oggi difendo i colori. Non è stato semplice entrare nel cuore di tutti i tifosi dell’Inter, ma sicuramente ho capito e capirò. Ho sempre dato tutto per questo club. Mi sono messo in gioco in maniera importante e ho una soddisfazione che mi porto dentro immensa”.

QUESTIONE DI POSITIVITA’ – “Voglio mettere i puntini sulle i: qualcuno ha detto che ho voluto cambiare l’inno dell’Inter, è assolutamente falso. A me ‘Amala’ piace, è un inno simpatico. Qualcuno ha usato la mia battuta, ma non sono io a dovermi prendere la responsabilità. Mi ha dato fastidio, io ho rispetto per la storia del club in cui lavoro. Per quanto riguarda la domanda, sono entrato in un ambiente nuovo: non è stato, non è e non sarà semplice, perché ci sono tante dinamiche. Spesso e volentieri vedo troppa negatività, anche di tifosi-giornalisti. E invece dovrebbero essere più positivi e più tifosi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy