Chievo Verona, Campedelli trema: la Procura chiede 15 punti di penalizzazione

Chievo Verona, Campedelli trema: la Procura chiede 15 punti di penalizzazione

La Procura Federale della Figc chiede 15 punti di penalizzazione da scontare nella stagione in corso per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie: le parole dell’avvocato del Chievo Verona

Quindici punti di penalizzazione da scontare nel corso della stagione corrente.

E’ questa la richiesta avanzata dalla Procura Federale della Figc ai danni del Chievo Verona nel processo bis davanti al Tribunale Federale Nazionale presieduto da Cesare Mastrocola, per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie. Per il presidente Luca Campedelli, invece, sarebbero stati richiesti 36 mesi di inibizione.

La società clivense, dunque, accusata insieme al Cesena di illeciti amministrativi, è stato deferito ancora una volta per responsabilità diretta e oggettiva.

“Abbiamo posto le nostre ragioni anticipate con una memoria molto documentata, fatto presente che le contestazioni della Procura federale sono totalmente infondate – ha dichiarato l’avvocato del Chievo Verona, Marco De Luca, come riportato da ‘Ansa’ -. Per i calcoli e i valori dei giocatori, la Procura fa riferimento a certi siti internet e valori sbagliati per le transazioni negli ultimi anni. Non vedo perché le abbia potute prendere a riferimento. Valori per ragazzi sotto i 15-16 anni sono soggettivi. La Commissione entra sempre nel merito e anche quest’anno ha ammesso al campionato il Chievo, ritenendo regolare la posizione a bilancio e gestionale. Qui c’è un dato di fondo – ha osservato De Luca – che il deferimento non è firmato dal procuratore, ci hanno detto perché il procuratore era al mare…”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy