Di Natale: “Udinese, di questo passo i tecnici preferiranno allenare il Palermo di Zamparini”

Di Natale: “Udinese, di questo passo i tecnici preferiranno allenare il Palermo di Zamparini”

L’intervista all’ex bandiera dell’Udinese, Antonio Di Natale: “Fa male vedere l’Udinese nei bassifondi. Iachini non meritava l’esonero”.

1 Commento

“Amo Udine e i suoi tifosi, in questa città sono stato bene, per cui mi fa male vedere l’Udinese nei bassifondi”.

Lo ha detto Antonio Di Natale, intervistato ai microfoni de ‘Il Gazzettino’. L’ex bandiera dell’Udinese è tornato a parlare del momento dei friulani e della scelta da parte della famiglia Pozzo di esonerare Beppe Iachini. “È una solfa che prosegue da tre anni. A questo punto basta prendersela con quel giocatore, oppure con Pinzi, poi con il sottoscritto, infine con Iachini che è una bravissima persona e che non meritava l’esonero. Non ci sono scuse – ha dichiarato il classe ’77 -. Se la squadra negli ultimi anni ha conquistato 40 punti soltanto, se non ha divertito significa che anche altri hanno commesso errori. Io guardo al Chievo e al Sassuolo, questi due club sono gli esempi da imitare. I Pozzo hanno fatto tanto per il calcio friulano, ma nessuno può chiamarsi fuori quando le cose vanno maluccio. Di questo passo vedrete che un tecnico preferirà allenare il Palermo di Zamparini piuttosto che l’Udinese”.

Futuro e campionato – “I Pozzo, vedrete, troveranno la soluzione più idonea per il riscatto della squadra. L’avvio quest’anno non è stato dei migliori, ma ci sono giovani interessanti e ora bisogna rinsaldare il gruppo, formare una squadra compatta, omogenea, altrimenti i dodici splendidi anni coincisi con la mia avventura friulana saranno destinati a rimanere ancora un ricordo. C’è anche bisogno dell’aiuto dei senatori, di Danilo, Felipe che devono essere da guida soprattutto per i ragazzi provenienti dall’estero. Mio futuro? C’è stato un pourparler con i Pozzo, ma nessuna promessa. In agenda non c’è mai stato alcun appuntamento tra noi. Ma se mi vogliono, credo che con la mia conoscenza dell’ambiente, con la mia esperienza potrei essere utile in particolare a gestire il gruppo, lo spogliatoio”, ha concluso Di Natale.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Max Ladro Gentiluomo - 2 mesi fa

    Visto che è così bravo a giudicare in casa degli altri…perché non allena lui l udinese ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy