Esclusiva-Mediagol: Zamparini, blitz in Spagna per Araujo. Intrigo Defrel, ecco la situazione. Telefonata Cairo-Belotti, maxi offerta al Gallo, i dettagli. Le pretese del Palermo per il bomber azzurrino

Esclusiva-Mediagol: Zamparini, blitz in Spagna per Araujo. Intrigo Defrel, ecco la situazione. Telefonata Cairo-Belotti, maxi offerta al Gallo, i dettagli. Le pretese del Palermo per il bomber azzurrino

Giorni caldissimi per il mercato rosanero. In particolar modo per quanto concerne il reparto avanzato. Mentre la squadra di Iachini prosegue la preparazione in vista del prossimo campionato, la.

Commenta per primo!

Giorni caldissimi per il mercato rosanero. In particolar modo per quanto concerne il reparto avanzato. Mentre la squadra di Iachini prosegue la preparazione in vista del prossimo campionato, la dirigenza del club di viale del Fante lavora alacremente per potenziare l’organico a disposizione del tecnico marchigiano. Grandi manovre firmate Maurizio Zamparini e Manuel Gerolin che potrebbero stravolgere la fisionomia del roster di attaccanti per la stagione 2015-2016.

Al netto delle dichiarazioni strategiche e di circostanza , il futuro di Andrea Belotti è legato a doppia mandata all’esito delle due complesse trattative in atto con Cesena e Las Palmas con protagonisti rispettivamente Gregoire Defrel e Sergio Araujo. Nell’eventualità, comunque non di semplice realizzazione, che il Palermo dovesse riuscire a centrare entrambi gli obiettivi nel mirino, scatterebbe il via libera per il bomber dell’Under 21 azzurra con destinazione Torino.

Le tre operazioni sono strettamente correlate e la prima fumata bianca farebbe scattare un inarrestabile effetto domino. Procediamo con ordine: come ampiamente illustrato nei giorni scorsi, Cesena e Palermo hanno già un’intesa definita nei dettagli per il passaggio di Gregoire Defrel in rosanero. Un’operazione da circa 6,5 milioni di euro tra cash da versare subito nelle casse dei romagnoli e relativi bonus subordinati alla maturazione di alcuni obiettivi collettivi ed individuali.

L’accordo esiste a prescindere dall’inserimento di alcune contropartite tecniche, vedi cartellino di Della Rocca, ora al vaglio delle due società e comunque da definire una volta chiusa la partita relativa al trasferimento in Sicilia dell’attaccante. Partita che non pare di facile risoluzione, visto che manca ancora l’intesa con l’entourage del calciatore, a cui è stato illustrato il progetto tecnico del Palermo nel corso dell’incontro tenutosi a casa Zamparini tra lo stesso patron, Manuel Gerolin e l’agente Giampiero Pocetta.

Scottato dal precedente legato a Federico Viviani, Pocetta vuole mantenere un profilo basso, ha ascoltato la proposta del club siciliano che sottoporrà all’attenzione del suo assistito al pari di quelle di Sampdoria e Fiorentina, principali contendenti sul mercato italiano, con Bologna e Sassuolo in seconda fila ed il Torino che sembra più defilato.

Obiettivi, garanzie di impiego ed ambizioni delle pretendenti verranno valutate, così come l’aspetto economico e contrattuale. In agenda c’è un secondo incontro con il Palermo nel corso del quale si entrerà più nel dettaglio relativamente a cifre, bonus e durata della proposta che il patron rosanero ha intenzione di formulare al calciatore.

Poi la palla passerà al ragazzo, tentato anche dall’ammiccamento del Saint Etienne e da un possibile ritorno in patria. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, la suggestione Sergio Araujo, bomber classe 92 scuola Boca, esploso in segunda division con la maglia del Las Palmas, nasce da una dritta dell’agente Fifa Federco Pastorello, procuratore di Stefano Sorrentino, che ha segnalato le doti del ragazzo al patron Maurizio Zamparini. Il patron friulano, dopo aver visionato le sue gesta, si è convinto ad imbastire l’operazione. Dopo i primi contatti interlocutori tessuti da Gerolin, il presidente rosanero ha quindi espressamente incaricato Pastorello di coadiuvare il suo dirigente nella trattativa con il club spagnolo, investendolo del ruolo di mediatore dell’operazione. Pastorello ha presenziato al summit svoltosi alle Canarie in compagnia di Roberto La Florio, altro agente Fifa, nel tentativo di ammorbidire le esose pretese del direttore sportivo del club amarillo Toni Cruz e del direttore generale Vinayo. Intento fin qui andato a vuoto, in quanto la distanza tra i tredici milioni messi sul piatto dal Palermo ed i quasi venti milioni richiesti dal Las Palmas appare troppo ampia da colmare.

Zamparini non vuole mollare la presa. Si è calcisticamente innamorato del puntero argentino ritenendolo elemento tecnicamente sopraffino, dal repertorio balistico pregiato e dal gol facile, assimilabile per caratteristiche a Dybala, perfetto, in quanto duttile e dinamico per duettare e completarsi con Vazquez.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, in queste ore Zamparini avrebbe deciso di muoversi personalmente ed avrebbe già raggiunto la Spagna per dare una sterzata decisiva alla trattativa. In virtù di un accordo pregresso tra Boca e Las Palmas, al club spagnolo andrebbe l’ottanta percento dei proventi derivanti da un’eventuale cessione, il restante venti spetterebbe alla società argentina che avrebbe preteso a suo tempo una sorta di percentuale su un’ipotetica futura plusvalenza sul cartellino del calciatore.

E Belotti? La sua è un’incedibilità strategica, a tempo, non assoluta ed incontrovertibile. Il Torino attende che il Palermo chiuda anche uno solo dei suoi obiettivi in avanti tra Defrel e Araujo per rilanciare la sua corte al gallo. Un primo approccio col Palermo c’è già stato con una telefonata intercorsa tra i due presidenti Urbano Cairo e Maurizio Zamparini.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, ammonterebbe a sette milioni la prima offerta dei granata, dodici la richiesta del club rosanero. Forbice ampia, ma che si può ridurre sensibilmente proprio in caso di nuovi imminenti arrivi in casa Palermo. Il Torino vuole fortissimamente Belotti, a Belotti intriga molto l’idea Torino, specie dopo le telefonate ricevute dal ragazzo dal presidente granata in persona e dal tecnico Ventura, che gli hanno prospettato un ruolo da assoluto protagonista in un Torino ambizioso e giovane, all’insegna della linea verde tinta d’azzurro. Il gallo andrebbe ad aggiungersi ai colpi già piazzati dal direttore sportivo Petrachi targati Italia: Benassi, Baselli e Zappacosta.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, esiste già un’intesa di massima con l’agente di Belotti, Sergio Lancini, i granata hanno proposto al gallo un contratto quinquennale con ingaggio progressivo che parte da una base di 800 mila euro fino a sfiorare il milione nell’ultima stagione prevista per il 2020, più una serie di bonus legati ai gol segnati ed agli obiettivi collettivi.

Anche il Sassuolo sta muovendo passi concreti per acquisire le prestazioni del bisontino di Calcinate, Belotti è lusingato dalla corte dei neroverdi e dal progetto Di Francesco, ma il Torino resta per lui la prima scelta in caso di partenza dalla Sicilia.

L’intenzione palesata dal Palermo di compiere due investimenti importanti su attaccanti con caratteristiche segnatamente diverse, unitamente alla prospettiva di un’altra stagione non vissuta da primo attore, induce Belotti a riflettere seriamente di fronte alla corte serrata di un club importante come il Torino, pronto ad offrirgli condizioni tecniche ed economiche di assoluto privilegio. Se il Palermo dovesse chiudere sia l’acquisto di Defrel, molto gradito a Iachini, che quello di Sergio Araujo, la partenza di Belotti sarebbe praticamente certa. Se dovesse arrivare anche uno solo dei due, comunque probabile.

Il Torino monitora gli sviluppi del mercato rosa ed è pronto a rilanciare, la sensazione è che tra i nove ed i dieci milioni di euro tra cash e bonus si possa chiudere l’operazione. Nelle dichiarazioni dei protagonisti Andrea Belotti resta ad oggi un giocatore incedibile e punto fermo del Palermo 2015-2016, negli intendimenti e nei fatti le cose potrebbero cambiare da un momento all’altro.

La matassa legata al futuro di Gregoire Defrel, Sergio Araujo e Andrea Belotti potrebbe sbrogliarsi all’inizio ella prossima settimana.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy