Panucci contro Saia di Palermo: “Gli arbitri sono diventati attori di Hollywood, permalosi e basta”

Panucci contro Saia di Palermo: “Gli arbitri sono diventati attori di Hollywood, permalosi e basta”

Lo sfogo in diretta televisiva del tecnico del Livorno.

4 commenti

Christian Panucci show. A fine partita – il suo Livorno ha pareggiato 0-0 in casa contro il Crotone – il tecnico degli amaranto si scaglia contro Saia di Palermo, arbitro designato per dirigere il match dell’Armando Picchi. Al 20′ del primo tempo, il fischietto siciliano ha espulso il capitano dei toscani, Andrea Luci, per il seguente intervento.

L’episodio – Una volta conosciuto il provvedimento arbitrale, Panucci ha chiesto spiegazioni al quarto uomo ufficiale, Pasqua. Risultato? Cacciato via dal campo anche lui. “Chi ha giocato a calcio sa che il nostro giocatore è entrato per prendere il pallone. Le indicazioni sono per il rosso, ma non c’è cattiveria di fare male – ha spiegato a fine partita -. Poi chiedi spiegazioni al quarto uomo e la sua risposta è: ‘Stia zitto che la caccio fuori’. Non c’è collaborazione. Alla prima protesta a noi ci cacciano fuori, poi vai a chiedere collaborazione. Non è possibile lavorare in questo modo. Io non ho mancato di rispetto a nessuno. Come si fa a parlare?! Come possiamo noi collaborare?! – si domanda alterato -. La sua risposta ad una mia analisi, magari un po’ forte, è: ‘Stia zitto sennò la caccio fuori'”.

Permalosi – “Queste sono solo le loro interpretazioni. Sono di un permaloso mai visto – afferma Panucci -. Scusate lo sfogo, ma non si può lavorare in questo modo. Se io avessi mancato di rispetto, verrei qua a chiedere scusa. Ci cacciano sempre fuori. In 20 anni di carriera sono stato espulso una sola volta da calciatore e ho sempre avuto grande rispetto degli arbitri. Però non si può lavorare in questo modo, bisogna darsi una regolata. Sembrano attori di Hollywood, basta”.

SERIE B: LA CLASSIFICA AGGIORNATA. CROTONE, OCCASIONE PERSA

La disamina – Infine un breve commento sulla prestazione dei suoi uomini: “Sono orgoglioso dei miei ragazzi. Hanno fatto una grande partita con grande cuore, provando ad attaccare e senza far creare niente alla seconda forza del campionato – ha aggiunto -. Come si fa a fermare il Crotone in dieci uomini? La squadra sta bene. Anche ad Avellino abbiamo perso immeritatamente. C’è spirito e gruppo. Siamo più vivi che mai e lotteremo fino all’ultimo”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. io non conosco la B - 1 anno fa

    Per protestare contro un fallaccio simile da karateka, bisogna aver perso qualunque forma di decenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Umberto Cordone - 1 anno fa

    Un calcio in pieno petto…. rosso tutta la vita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Fiumefreddo - 1 anno fa

      Sì vero, ma se l allenatore chiede spiegazioni ,in maniera educata come ha fatto Panucci , è giusto darle……ricorda Cagliari -Palermo 1-1 Miccoli espulso dalla panchina perché chiese una rimessa laterale, oppure un juve-palermo 1-0 con un rigore netto per il Palermo con l arbitro che esclamò a Miccoli :”sei diffidato, stai zitto altrimenti ti ammonisco ” . Questi sono atteggiamenti mafiosi da punire e finalmente Panucci lo ha esposto come problema

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Umberto Cordone - 1 anno fa

      Andrea Fiumefreddo che la classe arbitrale sia da radere al suolo come tutto il pianeta calcio, nessun dubbio, io parlavo del fallo, il giocatore in campo si è tolto la fascia da capitano ed era impazzito come se non avesse fatto nulla, il rosso c’è tutto, se poi il 4 uomo fà il protagonista….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy