Blanchard dopo Juventus-Frosinone 1-1: “Due mesi fa ero in curva a tifare Juve, oggi emozionato per il gol”

Blanchard dopo Juventus-Frosinone 1-1: “Due mesi fa ero in curva a tifare Juve, oggi emozionato per il gol”

Nel post partita di Juventus-Frosinone, il difensore del Frosinone Leonardo Blanchard ha parlato ai microfoni di Sky Sport.

Commenta per primo!

Nel post partita di Juventus-Frosinone, il difensore del Frosinone Leonardo Blanchard ha parlato ai microfoni di Sky Sport.

Un colpo di testa pazzesco nel finale…
Per fortuna siamo riusciti a portare a casa un punto. Erano tre partite che facevamo delle grandi prestazioni e non portavamo a casa niente. Finalmente abbiamo espresso un buon gioco, di rimessa chiaramente, perché la Juve ci ha schiacciato per tutta la partita, ma sapevamo che venire in questo stadio e fare la partita sarebbe stato impossibile.
Siamo venuti qui con umiltà, abbiamo combattuto, come facciamo sempre e ci siamo portati a casa il nostro primo punto, che fa morale e ci fa ben sperare per la sfida con l’Empoli che sarà uno scontro diretto.

Cosa vi ha detto Stellone nel momento migliore della Juve?
Sapevamo che la Juventus è una squadra che quando vuole accelerare accelera, accelera e addormenta il gioco, ha delle potenzialità enormi. Il mister ci ha detto di fare una partita di sacrificio, di correre dietro a tutti dentro la nostra metà campo. Abbiamo cercato di farlo, siamo stati bravi a soffrire e anche cinici e fortunati sotto porta, quando ci sono capitate le occasioni.
L’emozione alla fine… Il gol è stata una liberazione, penso per tutta la squadra, non solo mia, da juventino. È stata una gran bella partita, corale, da parte di tutta la squadra.

Primo gol in Serie A, contro la squadra campione d’Italia, allo Juventus Stadium, da tifoso juventino: per chi è questo gol?
Io due mesi fa ero a vedere la partita in curva con i Viking a Berlino, alla finale di Champions League, a tifare con la faccia dipinta bianconera, quindi segnare proprio a questa squadra è stata un’emozione grande. Questo gol lo dedico alla mia famiglia, alla mia fidanzata Fulvia che era qui sugli spalti, che ringrazio perché se non ci fosse lei probabilmente tante cose nella mia vita non sarebbero possibili, a tutti i miei amici veri che mi sono sempre stati vicino.
È il coronamento di un sogno che inseguo da quando sono veramente piccolo. Sono emozionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy