ZAMPARINI:”Sogliano se vuole fare capo sbaglia”

ZAMPARINI:”Sogliano se vuole fare capo sbaglia”

“Problemi con Sogliano? Si, abbiamo tutti e due dei caratteri forti, solo che io ho il carattere forte e sono il capo e lui ha il carattere forte ed è il sottomesso. Se lui vuole fare il capo.

Commenta per primo!

“Problemi con Sogliano? Si, abbiamo tutti e due dei caratteri forti, solo che io ho il carattere forte e sono il capo e lui ha il carattere forte ed è il sottomesso. Se lui vuole fare il capo ha sbagliato società, se lui vuole fare invece il collaboratore allora lha indovinata”. Con queste parole, pronunciate con tono pacato a Radio Radio, Maurizio Zamparini ha aperto una vera e propria crisi societaria all’interno dell’organigramma rosanero. Ma a preoccupare il presidente del club di viale del fante sembrano più i torti arbitrali. “Io sono molto in pensiero perché ho un video con tutti i torti che ci hanno penalizzato la scorsa stagione e pensavo che questa nuova stagione fosse cominciata in modo diverso – ha detto Zamparini – e invece la partita di Udine mi ha traumatizzato. Era successo anche a Roma, con un fallo fischiato a Migliacco che non cera. A Udine oltre allepisodio del rigore ci sono state altre occasioni e così non è possibile. Spero però, che non ricomincino. Lanno scorso ho gridato e mi hanno dato sempre contro. Quello che va ad incidere negativamente – ha raccontato il patron rosanero dalle parole raccolte da Mediagol.it – è il morale della squadra. Mi dicono “ci risiamo come lanno scorso”! Lanno scorso ne sono successe di tutti i colori, ero contento per come era cominciata”. Il presidente Zamparini ha parlato anche della prestazione dei suoi a Udine, dove per l’ennesima volta il Palermo ha trovato la sconfitta fuori casa. “Dipende forse un po anche dallinesperienza di Mangia perché una gara come quella di Udine va impostata per vincerla e naturalmente Mangia che è un allenatore giovane va supportato perché può avere certi timori contro lUdinese in trasferta. In casa è più facile per via dellentusiasmo e della spinta del pubblico, in trasferta invece devi essere un po più cinico, devi mettere meglio la squadra dietro e fare le ripartenze. Mangia va aiutato un “momentino”. Tra le sue qualità cè sicuramente quella dellentusiasmo e che è un bravo e giovane allenatore, ma gli manca lesperienza. Mangia mi sembra il “primo” Guidolin, che non è quello di adesso alla guida dellUdinese. Era anche lui un allenatore giovane ed è anche normale perché lesperienza la fai soltanto giocando. Mangia lesperienza la deve prendere dai collaboratori più esperti di lui che ci sono in società”. Mariano Calò

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy