SABATINI:”I retroscena della trattativa slovena”

SABATINI:”I retroscena della trattativa slovena”

Walter Sabatini, direttore sportivo del Palermo, ama il proprio lavoro anche se spesso è stato criticato per le scelte effettuate in sede di mercato. Intervistato da un quotidiano nazionale ha.

Commenta per primo!

Walter Sabatini, direttore sportivo del Palermo, ama il proprio lavoro anche se spesso è stato criticato per le scelte effettuate in sede di mercato. Intervistato da un quotidiano nazionale ha parlato della sua più grande intuizione in basse al rapporto qualità-prezzo. “Zampagna, sicuramente la mia operazione a più alto coefficiente di rischio tecnico. Lo avevo visto in VHS, parliamo di preistoria: giocava nel Pontevecchio, mi abbagliò con un paio di movimenti incredibili e lo portai alla Triestina, in C2, con Marchioro in panchina. I tifosi mi prendevano in giro dicendomi Ma chi è andato a prendere, Zampogna? Invece lui ha fatto subito gol e poi di nuovo, e poi di nuovo… e si è costruito una carriera bellissima e di questo ne sono orgoglioso”. Ma i colpi di mercato più geniali sono stati fatti a Palermo in due anni di permanenza, gente come: Pastore, Muñoz, Hernandez, Pinilla e soprattutto larrivo negli ultimi due giorni di mercato degli Sloveni. “Ilie#269;ie#263; era stato già segnalato da un agente Sloveno a Zamparini, prima dei preliminari, mi sono fatto spedire una partita del Maribor e al presidente ho detto: lo prenda subito!. E così è stato. La prestazione contro di noi nel preliminare ci ha dato ulteriori sicurezze sul giocatore, poi quella gara è servita invece, per prendere anche Bacinovic”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy