Palermo: precisazione su disagi vendita biglietti

Palermo: precisazione su disagi vendita biglietti

Ecco il comunicato della società Palermo Calcio, in merito “alla segnalazione di un tifoso resa oggi nel corso di una trasmissione radiofonica locale, relativa alla mancanza nelle rivendite.

Commenta per primo!

Ecco il comunicato della società Palermo Calcio, in merito “alla segnalazione di un tifoso resa oggi nel corso di una trasmissione radiofonica locale, relativa alla mancanza nelle rivendite palermitane “Lottomatica” di Viale Piemonte e Piazza Leoni, nella giornata di ieri, dei supporti cartacei per l’emissione dei biglietti per la gara Palermo-Chievo”. Si precisa quanto segue: – I disagi sopra enunciati, per i quali comunque ci scusiamo, riguardano soltanto alcune isolate filiali “Lottomatica” e sono relativi esclusivamente al pomeriggio di sabato scorso. A riprova di ciò si segnala che, nello specifico, ieri mattina la rivendita di Viale Piemonte ha emesso 111 tagliandi dalle ore 9.06 alle ore 13.40, mentre la rivendita di Piazza Leoni ha emesso 126 tagliandi dalle ore 10.25 alle ore 13.46. – I supporti cartacei vengono forniti alle rivendite autorizzate direttamente dalla “Lottomatica” in funzione della media delle vendite di ciascun punto. Eventuali problematiche conseguenti ad improvvisi aumenti di richieste non sono in alcun modo preventivabili. Si coglie l’occasione per evidenziare che, negli ultimi due anni, la Società ha operato in modo concreto per aumentare i punti vendita esterni sul territorio, con particolare attenzione a diffusione e capillarità degli stessi. Dalle quattro rivendite presenti a Palermo nella stagione 2007/2008, uniche nel territorio provinciale, si è passati alle attuali 23 della sola città di Palermo (di cui ben 10 aperte la domenica dopo le ore 11.00, orario di chiusura della biglietteria dello stadio), che si aggiungono alle restanti 14 situate in Provincia e nel resto della Sicilia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy