MICCOLI: “Estorsioni? Non posso parlare, ma..”

MICCOLI: “Estorsioni? Non posso parlare, ma..”

Intervistato da Sportweek, Fabrizio Miccoli ha detto la sua verità sui fatti di cronaca che lo hanno coinvolto nel mese scorso. “Io non vado a guardare i tatuaggi. Ripeto, era l’amicizia tra.

Commenta per primo!

Intervistato da Sportweek, Fabrizio Miccoli ha detto la sua verità sui fatti di cronaca che lo hanno coinvolto nel mese scorso. “Io non vado a guardare i tatuaggi. Ripeto, era l’amicizia tra un ragazzo di venticinque anni e uno di trenta. Avevo la sensazione che gli mancasse affetto, e ho cercato di stargli vicino. Identificarmi in lui? Forse sì – ha dichiarato l’ex capitano rosanero -. A 12 anni ero già via di casa, a Milano, in un dormitorio dei preti. Mio padre lo vedevo solo a Natale, e soffrivo tantissimo. Distacchi così prematuri, forse, andrebbero impediti. Estorsioni? Di questo non posso parlare, l’ho promesso ai magistrati. Dico solo che in quella discoteca non ci sono mai andato, non conosco i proprietari e neppure so dove sia. Le discoteche non mi piacciono. Non so neppure ballare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy