Lo Monaco:”Zampa?Smettiamola aggredire arbitri”

Lo Monaco:”Zampa?Smettiamola aggredire arbitri”

“Cosa penso della reazione con tanto di telefonata e lettera al presidente Nicchi di Zamparini e se, al suo posto, mi sarei comportato allo stesso modo? Quando sento frasi tipo ‘devono.

Commenta per primo!

“Cosa penso della reazione con tanto di telefonata e lettera al presidente Nicchi di Zamparini e se, al suo posto, mi sarei comportato allo stesso modo? Quando sento frasi tipo ‘devono avere rispetto di noi’, sinceramente penso che siano frasi fatte senza nessuna consistenza”. Parola dell’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco, ospite di “Sala Stampa”, trasmissione in onda su Antenna Sicilia. “Il rispetto gli arbitri devono averlo per tutte le squadre senza nessuna distinzione, secondo me un minimo di sudditanza psicologica negli arbitri c’è e può derivare da tanti fattori tipo il blasone della squadra o il giocatore di turno che si trovano davanti – ha proseguito Lo Monaco – in Italia abbiamo una classe arbitrale giovane che in questo momento magari è nell’occhio del ciclone e che, inevitabilmente, compie qualche errore ma ribadisco, si tratta di una classe arbitrale di buon livello e che può crescere. I problemi vengono dal nostro sistema calcio, dalle lamentele continue, dalle trasmissioni e anche da noi. C’è chi aggredisce la classe arbitrale facendo le lettere e mettendo le mani avanti nella speranza di non subire altri torti (il riferimento è a Zamparini, ndr) ma io penso che i dirigenti devono smetterla di metterla su questo piano e su questo livello. Bisogna giocare e mettere in preventivo tutto perché oggi può capitare l’errore a svantaggio, ma domenica prossima magari può essercene uno a proprio vantaggio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy