“L’erba del vicino”: il Diavolo ora vuole vincere

“L’erba del vicino”: il Diavolo ora vuole vincere

di Roberta Siino Non c’è squadra in serie A che non sia condannata a vincere. Pressioni, ambizioni e attese assumono però proporzioni ancora più vaste se quella squadra si.

Commenta per primo!

di Roberta Siino Non c’è squadra in serie A che non sia condannata a vincere. Pressioni, ambizioni e attese assumono però proporzioni ancora più vaste se quella squadra si chiama Milan. Carlo Ancelotti non può più sbagliare e in un’annata orfana della Champions League, la lotta per la supremazia in campionato assume un’importanza fondamentale per l’ambiente rossonero. Già, perché l’ultimo trionfo in serie A per il Milan risale al 2003/2004 e la scorsa stagione, benché contornata dalla vittoria della Supercoppa Europea e dal Mondiale per club, ha visto un Milan ancora una volta fuori anzitempo dai giochi di classifica. Quinto con 64 punti, 66 gol fatti e 38 subiti, 18 vittorie, 10 pareggi e altrettante sconfitte. Quest’anno invece, il club di via Turati si trova al secondo posto in classifica con 27 punti, a meno tre dai cugini interisti: 19 i gol realizzati, 10 quelli subiti, 8 vittorie contro Lazio, Reggina, Inter, Sampdoria, Atalanta, Siena, Napoli e Chievo Verona, 3 pareggi contro Cagliari, Lecce e Torino e 2 sconfitte contro Bologna e Genoa. Al tecnico rossonero serviva un centravanti in grado di rimpiazzare la partenza di Gilardino, passato alla Fiorentina e di rimpinguare il bottino dei gol. Per questo, dal Genoa è tornato Marco Borriello ma non al meglio delle sue condizioni fisiche. Dal Barcellona è stato acquistato il “giocoliere” brasiliano Ronaldinho e dal Chelsea è ritornato il “figliol prodigo” Shevchenko. Un Milan sempre più “verdeoro”, con appunto Ronaldinho che va ad aggiungersi a Kakà e Pato. A centrocampo è arrivato Flamini, mentre in difesa si è deciso di puntare sull’esperienza di Zambrotta e sullo svizzero Senderos che dovrebbe occupare il posto lasciato da Simic. Mentre ai box scalpita per una maglia da titolare Super Pippo Inzaghi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy