LA STAGIONE 2010-2011 CHIUDE I BATTENTI. TUTTI I NUMERI DEL PALERMO SOGNANDO LA FINALE DI ROMA, PER SCRIVERE UNA NUOVA PAGINA DI STORIA.

LA STAGIONE 2010-2011 CHIUDE I BATTENTI. TUTTI I NUMERI DEL PALERMO SOGNANDO LA FINALE DI ROMA, PER SCRIVERE UNA NUOVA PAGINA DI STORIA.

Roberto Chifari La stagione 2010-2011 chiude i battenti, almeno per quanto riguarda il campionato di serie A, con le partite della 38°giornata vengono stabiliti gli ultimi verdetti in chiave.

Commenta per primo!

Roberto Chifari La stagione 2010-2011 chiude i battenti, almeno per quanto riguarda il campionato di serie A, con le partite della 38°giornata vengono stabiliti gli ultimi verdetti in chiave europea. In Champions vanno tre squadre: il Milan campione d’Italia che chiude la stagione a 82 punti, +6 sull’Inter seconda classificata ferma a 76 punti, che col Palermo si giocherà l’ultimo trofeo stagionale, la Coppa Italia il prossimo 29 maggio a Roma. Al terzo posto dopo una grandissima stagione c’è il Napoli di Mazzarri e Cavani, proprio luruguagio termina lannata con 26 gol all’attivo, uno in meno dei 27 gol segnati a Palermo nelle ultime due stagioni. Per l’ultimo posto valido per la Champions League si qualifica ai preliminari lUdinese di Guidolin (66 pti), i friuliani si meritano questa posizione soprattutto per aver prodotto il miglior calcio dItalia col secondo miglior attacco della serie A e grazie anche ai 28 gol di Antonio Di Natale. In Europa League vanno tre squadre Lazio , Roma e Palermo. Gli uomini di Reja chiudono la stagione a pari punti con lUdinese ma con una peggiore differenza reti essendo pari negli scontri diretti. Quanto basta ai friulani per agganciare il quarto posto matematico, quello che vale il ritorno ai preliminari di Champions League dopo sei anni. La Roma di Montella chiude al 6° posto con 63 punti e tanto rammarico per i molti punti persi durante la stagione. Subito dietro la Juventus a 58 punti, ma è fuori dallEuropa, si chiude una delle peggiori stagioni dellera bianconera, fuori da qualunque competizione europea (escluso Calciopoli) non succedeva dai tempi della Juve di Maifredi. La terza squadra sarà il Palermo in virtù della partecipazione alla finale di Coppa Italia contro lInter, qualora i rosa dovessero vincere l’ambito trofeo, il 6 agosto si giocheranno la Supercoppa Italiana a Pechino contro il Milan (campione dItalia) e di conseguenza giocherebbero il terzo turno preliminare di Europa League con lo spareggio del 18 e 25 Agosto, che ammette automaticamente la 5° classificata in campionato e la vincitrice della coppa Italia, in caso di sconfitta si partirebbe dal secondo turno con andata il 28 luglio e ritorno il 4 agosto. Chiudere all’ottavo posto significa anche partire dagli ottavi di Tim Cup, onde evitare pericolosi turni di agosto con squadre di serie B più avanti nella preparazione. Alle spalle del Palermo chiudono a meno 5 la Fiorentina di Mihajlovic e il Genoa di Ballardini (51), il Chievo che ha battuto il Palermo chiude il campionato a 46 punti e all’undicesimo posto, insieme a Parma e a Catania che grazie alla cura Simeone riesce a terminare il campionato con una tranquilla salvezza, un punto sotto c’è il Cagliari di Donadoni. Il Cesena alla prima stagione in A dopo ventanni chiude con 43 punti, +1 rispetto al Bologna che senza la squalifica avrebbe chiuso a 45 punti e invece si accontenta di quota 42 e poco davanti al Lecce che si salva con una giornata d’anticipo a 41 punti. Retrocedono Bari e Brescia, ma soprattutto la Sampdoria, la retrocessione dei blucerchiati ha dellincredibile, per come è arrivata e per come si è materializzata nel giro di poche settimane. Dai preliminari di Champions col Werder Brema, alleliminazione di Europa League e Coppa Italia, alla miseria dei 10 punti conquistati nel girone di ritorno, passando per le cessioni di Pazzini e Cassano a gennaio a cui vanno aggiunte quelle estive di Storari, Del Neri e Marotta, artefici della straordinaria cavalcata Champions della passata stagione. Alla 28esima giornata, però, i blucerchiati avevano 31 punti conquistati grazie alla guida tecnica di Mimmo Di Carlo che seppur tra mille difficoltà nel girone di ritorno era riuscito a racimolare quei punti necessari (31) per raggiungere quota 40 e con 10 partite ancora da giocare nove punti erano un bottino più che sufficiente per una tranquilla salvezza. Ma la dirigenza, scontenta dell’andamento di Di Carlo, chiama Cavasin, il tecnico trevigiano in 10 partite ha raccolto la miseria di 5 punti portando a chiudere la stagione a 36. Si riparte dalla B per queste squadre con l’intenzione di ritornare al più presto tra le grandi. La redazione di Mediagol.it ha analizzato i numeri della stagione rosanero, confrontandoli con quelli delle passate stagioni. Il campionato 2010/2011, è stato il settimo campionato consecutivo in serie A il ventiquattresimo nella massima serie e si chiude all’ottavo posto, come nella stagione 2008-2009, meno tre posizioni rispetto alla passata stagione, ma soprattutto con 56 punti (-9 rispetto al 2010/2011), quarto miglior risultato di sempre. Le vittorie totali sono 17 una in meno della passata stagione e anche qui viene eguagliato il record del 2008-2009. I pareggi sono 5, le sconfitte ben 16, il peggior risultato degli ultimi anni, l’ultima volta che il Palermo aveva subito 16 sconfitte è stato nella stagione ‘72/73, l’ultima stagione in A della presidenza Barbera. In casa il Palermo ha avuto un ruolino di marcia di 11 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte, fuori casa il ruolino di marcia ha portato 6 vittorie (una in meno della stagione 2006/2007) 2 pareggi e 11 sconfitte come nelle stagioni 2007/2008 e 2008/2009. Per quanto concerne le reti sono ben 58 i gol all’attivo, l’anno passato i gol furono 59, ma la nota dolente sono sicuramente i gol subìti che arrivano a 63, peggio ha fatto solo il Lecce quart’ultimo in classifica. Scorrendo le statistiche del passato: 63 gol furono subìti solo nella stagione 1956/1957 e peggio il Palermo fece nella stagione ‘50/51 con un ruolino di 67 reti al passivo. Infine, unultima parentesi va dedicata alla classifica dei marcatori che vede Javier Pastore capocannoniere dei rosa con 11 reti (+8 rispetto allo scorso campionato). L’anno scorso la palma del migliore goleador era andata a Fabrizio Miccoli con 19 reti. Questa la classifica marcatori del Palermo nella serie A 2010/2011: Pastore 11 Miccoli 9 Ilicic 8 Pinilla 8 Bovo 4 Nocerino 4 Hernandez 3 Bacinovic 2 Balzaretti 2 Maccarone 2 Migliaccio 2 Goian 1 Kasami 1 Kurtic 1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy