Floro Flores: “Adozione? Sono padre non eroe”

Floro Flores: “Adozione? Sono padre non eroe”

Oltre all’aspetto meramente sportivo, a volte il calcio è in grado di mostrare la parte più bella di questi atleti baciati dalla fortuna che calciando un pallone guadagnano in una.

Commenta per primo!

Oltre all’aspetto meramente sportivo, a volte il calcio è in grado di mostrare la parte più bella di questi atleti baciati dalla fortuna che calciando un pallone guadagnano in una stagione più di quanto un lavoratore medio può guadagnare nel corso dell’intera vita. E’ il caso di Antonio Floro Flores, attaccante del Sassuolo, che, commosso dalla storia del piccolo Francesco, neonato abbandonato sotto il seggiolino di un vagone di un treno proveniente da Napoli lo scorso 16 marzo, ha deciso insieme alla moglie Michela di chiedere l’adozione e di regalare un fratellino ai tre figli Aurora, Ginevra ed Armando. “Non è un gesto da eroe -sottolinea Floro Flores attraverso il suo profilo Twitter- sono semplicemente un padre”. Chapeau.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy