La Repubblica: “Dall’offerta di Zamparini, alla solitudine. Cassano ora è un fantasma per la Sampdoria”

La Repubblica: “Dall’offerta di Zamparini, alla solitudine. Cassano ora è un fantasma per la Sampdoria”

Riflettori puntati per il quotidiano generalista sull’attaccante di proprietà della Samp, Antonio Cassano.

10 commenti

Ha rifiutato tutte le proposte di ingaggio, anche quella arrivata dal Palermo di Maurizio Zamparini, nel corso dell’ultima sessione di calciomercato.

Antonio Cassano continua la sua avventura da separato in casa alla Sampdoria. Una scelta, quella dell’attaccante classe ’82 di restare in Liguria, analizzata dall’edizione odierna de ‘La Repubblica’.

“Stasera si chiuderà in camera e accenderà il televisore su Samp-Milan, però poi abbasserà il volume. Aprirà le finestre, respirando profondamente. Preferisce il suono del mare: lo fa sentire meglio, più sereno. Uno sguardo alle sue due squadre del cuore, un altro alla scogliera e alla spuma delle onde, che il sole è già tramontato ma c’è ancora un po’ di luce e poi questa è l’ora migliore, per ricordare. Solitudine, malinconia. In quello schermo un mondo che gli hanno portato via: era il suo mondo e non gli appartiene più. Fuori, un’altra vita. Quella che gli resta. Esiliato come un piccolo Napoleone, col dolore per quello che è stato e la paura dell’oblìo, Antonio Cassano è uno spettatore rassegnato. Triste, finale. La Sampdoria l’ha trasformato in un fantasma. Sul sito della società, alla voce ‘rosa e staff tecnico’, ci sono ancora il suo nome e il numero 99: la foto no, solo un inquietante profilo bianco. Trentaquattro anni compiuti due mesi fa. Centoventi partite giocate, 37 reti. Anni indimenticabili, quelli del rilancio dopo Madrid. Questa doveva essere la sua sesta stagione in blucerchiato. Invece – si legge -. […] Ad agosto, alla vigilia dell’amichevole col Barcellona, Cassano era convinto di partire titolare al Camp Nou. Giampaolo gli disse che non poteva garantirgli neppure qualche minuto partendo dalla panchina: ‘Allora niente’. Non sapeva che la decisione l’avevano già presa altri, da tempo. Al Milan ha legato un altro periodo felice della sua straordinaria e folle carriera. Ci era arrivato dopo aver litigato con Riccardo Garrone, il presidente blucerchiato che per lui era come un papà: in rossonero 33 incontri in un anno e mezzo, 7 reti, uno scudetto, quel drammatico malore dopo la trasferta di Roma, l’ischemia e il buco nel cuore ma anche il ritorno al gol 6 mesi dopo l’intervento. Stasera l’allenatore è l’amico Vincenzo Montella, che quando guidava la Samp gli aveva dato fiducia però lo sapeva, che Antonio non lo puoi marcare: dopo il ko nel derby della primavera scorsa, la lite feroce con l’avvocato Antonio Romei, braccio destro del Viperetta. Quella volta qualcosa si è rotto, per sempre. Da mesi si allena tutto solo. Ma come un reietto, solo quando i compagni di squadra hanno lasciato il prato di Bogliasco. Lo aspetta paziente Agostino Tibaudi, il preparatore. Si cambia negli spogliatoi con Roberto Rossi, il magazziniere: ‘Un altro Roberto. Un tempo mi cambiavo con Roberto Carlos’, sorride amaro. Fino a giugno è sotto contratto, 700.000 euro all’anno. Zamparini al Palermo gli aveva proposto un anno in più, erano arrivate offerte dall’Entella e dallo Spezia. No, Antonio resta qui. Ma allora, addio calcio giocato. […] Ma forse stasera il suono delle onde lo farà sentire più sereno”.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gipa - 3 mesi fa

    ha avuto sempre la testa calda, e cosi i calciatori non vanno avanti. peccato! l’ha voluto lui.io avrei preferito giocare anche nella viterbese, perche il calcio e’ lo sport piu bello del mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Manzella - 3 mesi fa

    Ragazzi non si discute il tasso tecnico del calciatore perché saremmo ingiusti, ma l’uomo. È il suo carattere instabile che finisce ogni volta per compromettere il suo rendimento e mettere in discussione non solo l’uomo ma anche il calciatore.
    Stessa cosa per Balotelli, con la sola differenza che Cassano è a fine carriera lui no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michelangelo Muratore - 3 mesi fa

    Povero stai a Genova fantasma tua moglie vuole stare li a che si perde a Palermo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tony Li Greci - 3 mesi fa

    solitudine milionaria….mischino….mi pari piatusu……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Umberto Cordone - 3 mesi fa

    Se arriva a gennaio entra in peso forma a luglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Roberto Lo Porto - 3 mesi fa

    A gennaio ci può ripensare .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giuseppe Geraci - 3 mesi fa

    Accettava di venire a Palermo al posto di ascoltare altre voci……….!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Massimiliano Di Cara - 3 mesi fa

    Stai a Genova.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Simone Castano - 3 mesi fa

    ex calciatore sia lui che Balotelli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Castano - 3 mesi fa

      l’unico “scarsone”da prendere era Borriello!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy