ROSSI E LO STRESS PRESIDENZIALE Delio è troppo amato dai tifosi?

ROSSI E LO STRESS PRESIDENZIALE Delio è troppo amato dai tifosi?

Di William Anselmo Vedete questa foto a sinistra? Tra le tante qualità che possiede, ce nè una che ammiro in modo particolare in questuomo: la pazienza. Delio Rossi “resiste” sulla.

Commenta per primo!

Di William Anselmo Vedete questa foto a sinistra? Tra le tante qualità che possiede, ce nè una che ammiro in modo particolare in questuomo: la pazienza. Delio Rossi “resiste” sulla panchina del Palermo, ormai penso che per lui sia diventata una missione più che un lavoro. Resiste alle punzecchiature del presidente Zamparini che ormai si è messo in testa che Rossi, sia che vinca sia che perda, mette la squadra male in campo. Un lamento che si ripete quasi ogni settimana. La fortuna di Zamparini è quella di riuscire sempre a trovare uomini capaci che si innamorano del Palermo e della Sicilia a tal punto da sacrificare parte di loro stessi. Come Walter Sabatini che come ultimo gesto di estremo amore si è dimesso per salvare Rossi e la squadra che aveva costruito in anni di duro lavoro. Zamparini è la più grande fortuna che sia mai capitata al Palermo (e ai suoi tifosi), ma contemporaneamente è il suo più grande limite. Sono i numeri che esaltano il grande lavoro di Delio Rossi e il presidente dovrebbe prenderne atto e non lamentarsi. I tifosi sono dalla parte dellallenatore, non digeriscono questa guerra fredda, sono stanchi. Le critiche di un presidente sono legittime, ma francamente quelle di Zamparini verso Rossi sono ingiuste e fuori luogo perché Rossi, se proprio dobbiamo dirla tutta, finora ha fatto i miracoli (giocando diverse partite con una rosa inadeguata e incompleta). Continuando così si rischia di fare lo stesso errore commesso dopo il primo strepitoso anno di Serie A, quando al posto di rinforzare la squadra vennero venduti i pezzi più pregiati e Guidolin praticamente preferì fuggire da Palermo a causa del troppo stress. I pezzi pregiati di oggi si chiamano Balzaretti, Cassani, Bovo, Migliaccio, Nocerino – tanto per fare alcuni nomi – e lallenatore è naturalmente Delio Rossi. Zamparini ha la sua occasione: può dimostrare ai tifosi rosanero di aver imparato dagli errori del passato oppure continuare a divertirsi con il suo bel giocattolo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy