Tuttosport: “Ecco differenza tra Palermo e Bologna. I rosa escono dalla crisi, Gradisca d’Isonzo porta bene”

Tuttosport: “Ecco differenza tra Palermo e Bologna. I rosa escono dalla crisi, Gradisca d’Isonzo porta bene”

Il commento del quotidiano sportivo

Commenta per primo!

Riflettori puntati su Bologna-Palermo per ‘Tuttosport’. “Rinascita Palermo, Rossi per ora si salva. Decisivo il gol di Vazquez. Ancora a secco Destro”. Titola così l’edizione odierna del quotidiano sportivo in merito alla vittoria conquistata dalla squadra di Beppe Iachini sul campo del Bologna di Delio Rossi, dopo quattro sconfitte consecutive. “Il Palermo esce dalla crisi saltellando sulle molle cigolanti della squadra materasso del campionato, un Bologna giunto alla settima sconfitta su otto partite. E pensare che la squadra di Delio Rossi aveva pure cominciato bene, ma è palese che quando si sbagliano gol come quello di Mounier dopo 16′ o quello di Destro al 20′ della ripresa alla fine i conti non possono tornare – si legge -. A dire il vero anche il Palermo ha sbagliato una rete clamorosa, con Gilardino a farsi murare a porte vuota da pochi passi. Il fatto è che era già il minuto 42 del secondo tempo; sarebbe stato soltanto il suggello di una gara instradata dopo 23′ da Vazquez, abile a controllare e metterla dentro in beata solitudine dal cuore dell’area bolognese. Gilardino peraltro aveva anche scheggiato una traversa poco dopo, quando il Palermo era già in vantaggio e il Bologna appariva sotto choc. Il ritiro a Gradisca d’Isonzo ha portato bene”.

La differenza – Il Palermo ha messo il dito nella piaga. Quando ha avuto la palla giusta l’ha sfruttata, chiudendosi in maniera sufficientemente ordinata e con Sorrentino molto attento a non far passare nemmeno gli spifferi, come quel tiro di Rizzo al 4′ del secondo tempo tolto letteralmente dall’angolino. E’ la differenza tra una squadra di serie A e una che non ha lo spessore e la consistenza per la categoria”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy