Sabatini: “Così ho preso Emerson Palmieri, a Palermo non giocava. Oggi è fondamentale per Spalletti”

Sabatini: “Così ho preso Emerson Palmieri, a Palermo non giocava. Oggi è fondamentale per Spalletti”

L’ex direttore sportivo di Palermo e Roma, Walter Sabatini, parla di Emerson Palmieri, terzino titolare nella Roma.

2 commenti

Quando, nell’estate del 2015, il Santos cambiò leggermente le carte in tavola, chiedendo al Palermo qualche milione in più per il riscatto di Emerson Palmieri, il presidente Zamparini non ebbe alcun ripensamento a non esercitare l’opzione di riscatto per il terzino classe ’94.

Successivamente, tornando sulla vicenda, il patron friulano si disse per nulla scontento di come fossero andate le cose, non essendo Emerson – a senso suo – un calciatore di personalità.

Zamparini: “Emerson non mi è mai piaciuto e non avevamo fiducia in lui, gli manca personalità. Gli auguro il meglio”

Il terzino brasiliano si trasferì, nel corso della stessa estate, alla Roma dell’allora ds Walter Sabatini, facendo le fortune di Luciano Spalletti che lo ritiene un titolare inamovibile.

Se Zamparini non avesse venduto nessuno… Ecco in grafica la formazione stellare che potrebbe schierare il Palermo

“Emerson è l’esempio perfetto per spiegare come a volte la fortuna cambia radicalmente le sorti di un calciatore o di una squadra – ha premesso Sabatini, intervistato da Mediagol.it -. Io l’avevo visto giocare mezza volta nel Palermo, mi è piaciuto nel modo di muoversi e, avendolo offerto il suo agente a condizioni molto buone, ho deciso di prenderlo. Ha fatto i primi mesi a Palermo in cui veniva denigrato da tutti, oggi è fondamentale nella testa di Spalletti, anche se ha tanta strada da fare essendo un ragazzo del ’94, ma è molto forte. E’ uno di quei giocatori che nel Palermo non ha avuto molta fortuna, così come nel Palermo di oggi non hanno fortuna molti altri calciatori. Lo stesso Emerson, uno serio e volitivo, veniva tacciato di non avere personalità. Lo stesso discorso che viene fatto oggi su Quaison. Oggi gioca nella squadra seconda in classifica, si sta battendo con avversari di grande livello con naturalezza e positività. Lazaar  sembrava più appariscente sul piano tecnico ma meno completo nelle due fasi? Non credo, perché meglio di Emerson, sul piano balistico e tecnico, fatico a immaginare un terzino. Magari si sono fatti altri discorsi. I tifosi e i giornalisti di Palermo devono fare riferimento alla parabola di Emerson. Quando sembra non ci sia niente da fare, quando il pozzo singhiozza bisogna insistere, provarci. Lo devono fare la città, la società e l’allenatore.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 2 settimane fa

    Poi non venite a dirmi che zamparini si intende di calcio!adesso ha in lista di partenza Quaison ,proprio nel momento che sta rendendo con Corini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Linus Larrabee - 2 settimane fa

    altra bella operazione del Palermo: non sembrava un fenomeno, ma ogni volta che entrava faceva la sua onesta partita, senza sbagliare praticamente mai.
    lo perdemmo per un milione di riscatto non pagato: oggi ne vale almeno 5-6 (e in futuro potrebbe valere il doppio)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy