Palermo: Zamparini in città, faccia a faccia con squadra e Tedino. I dettagli

Palermo: Zamparini in città, faccia a faccia con squadra e Tedino. I dettagli

Il patron friulano ha raggiunto in giornata il capoluogo siciliano: colloquio con Nestorovski e compagni all’indomani della sconfitta subita in casa per mano del Foggia.

di Mediagol77, @Mediagol

Una sconfitta che fa crollare tutte le certezze in seno alla squadra rosanero. Il Palermo si lecca le ferite all’indomani del ko interno contro il Foggia di Stroppa, disfatta che blocca Nestorovski e soci a -3 dalla vetta della classifica occupata in condominio da Empoli e Frosinone.

E all’indomani del Monday-Night disputato al Barbera è arrivata anche la visita a sorpresa (e in segreto) di Maurizio Zamparini: il patron friulano, preoccupato del momento vissuto dal club, ha voluto incontrare i calciatori rosa e l’allenatore Bruno Tedino che, almeno per il momento, non dovrebbe essere a rischio esonero.

Il faccia a faccia, secondo quanto riferito da Rai Sport, sarebbe avvenuto in tarda mattinata, con l’imprenditore di Aiello del Friuli che avrebbe lasciato la città subito dopo l’incontro con la squadra. Un colloquio per motivare e riaccendere gli animi dopo le due sconfitte consecutive, in vista dei due impegni in trasferta contro Perugia e Pro Vercelli. A proposito, nessun ritiro punitivo, come inizialmente pensato dallo stesso Zamparini: il Palermo di Tedino preparerà la sfida agli umbri al Tenente Onorato di Boccadifalco e partirà per Perugia solamente nella giornata di venerdì.

VIDEO, Zamparini: “Sconfitta contro il Foggia? Abbiamo perso la bussola, mi dispiace per i tifosi presenti allo stadio…”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ultimos - 6 mesi fa

    Sono d’accordo con te Nick, in quanto cambiano gli attori, ma il copione è sempre lo stesso. Vendere e comprare poco, a basso costo e senza esperienza. Così si va a sbattere o almeno non si possono avere ambizioni. In questo mercato di serie B, tutte le dirette concorrenti si sono rinforzate o almeno non si sono indebolite (vedi il Perugia con Di Carmine), mentre noi ci siamo invece indeboliti in difesa, un reparto che l’anno scorso faceva acqua da tutte le parti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 6 mesi fa

    le preoccupazioni se le deve fare venire quando decide di non fare mercato..altro che mercato da dieci..
    premesso che il non gioco di tedino non mi è mai piaciuto ma non gli do colpe più di tanto.
    L’organico non è assolutamente all’altezza di dominare una mediocre serie B. Impensabile giocare un intero campionato senza sostituti credibili a rispoli e aleesami, per non parlare dell’assenza di un alternativa a nestorosky buon giocatore ma non è quello che dipingono manco in serie B fa la differenza,serviva un bomber di categoria da doppia cifra e vanno a prendere la riserva del venezia.
    A centrocampo manca un regista in grado di tenere palla per mantenere il risultato, e cedere un difensore esperto come Cionek per due banane senza manco sostituirlo è stata l’ennesima follia.
    In tutto ci ciò ci facciamo ulterioremente del male con i giocatori che devono giocare perchè imposti, nessuno farebbe mai giocare posavec al posto di pomini.
    Insomma mi pare che ancora una volta si sia preferito rischiare col fuoco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy