Palermo, sentenza Frosinone: i rosanero fanno ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, le richieste

Palermo, sentenza Frosinone: i rosanero fanno ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, le richieste

Il Coni ha comunicato il ricorso fatto dalla società rosanero contro l’omologazione del risultato del match contro il Frosinone

Prosegue la battaglia legale del Palermo.

Il club di viale del fante infatti ha fatto ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni contro l’omologazione del risultato della finale di ritorno playoff di Serie B contro il Frosinone, ricorso esteso alla FIGC, il Frosinone e la Lega Serie B. A renderlo noto è stato proprio il Coni tramite una nota, elencando le richieste della società rosanero.

Mediagol.it vi propone il testo integrale del comunicato.

“Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso da parte della società U.S Città di Palermo S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché nei confronti del Frosinone Calcio S.r.l. e della Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNP B), per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Sportiva di Appello della FIGC a Sezioni Unite, emessa a mezzo Comunicato ufficiale n. 168/CSA del 26 giugno 2018 e n. 172/CSA pubblicato in data 27 giugno 2018, contenenti, rispettivamente, il dispositivo e le motivazioni della decisione, con cui è stato respinto il reclamo della U.S. Città di Palermo S.p.A. avverso la decisione del Giudice Sportivo della Lega B (Comunicato Ufficiale n. 200/2018), che ha rigettato le domande della Società Palermo – di sanzionare la Società Frosinone con la perdita della gara disputata in data 16 giugno 2018 con il punteggio di 0-3, di non omologare il risultato della partita ed, in linea subordinata, previa squalifica del campo di giuoco del Frosinone, di non omologare e /o annullare il risultato della predetta gara, ordinandone la ripetizione – ed ha irrogato al Frosinone la sanzione dell’ammenda di € 25.000,00 con l’obbligo di disputare due gare con lo stadio “Benito Stirpe” privo di spettatori e non ha adottato ulteriori provvedimenti sanzionatori per il comportamento dei suoi sostenitori.

La ricorrente chiede al Collegio, in accoglimento del presente ricorso, previa riforma della decisione impugnata:

– di sanzionare il Frosinone Calcio S.r.l. con la perdita della gara disputata in data 16 giugno 2018 con il punteggio di 0-3 in favore della U.S. Città di Palermo ai sensi dell’art. 17 C.G.S.;
– di non omologare, comunque, il risultato della partita del 16 giugno 2018;

in linea subordinata:
– previa squalifica del campo di gioco del Frosinone Calcio S.r.l., di non omologare e/o annullare il risultato della partita del 16 giugno 2018 ed ordinare la ripetizione della stessa;
– di ritenere e dichiarare l’applicabilità dei termini di cui al C.U. 32/2018 FIGC a tutte le partite dei play off, compresa la finale e, per l’effetto, di ritenere e dichiarare nulla e/o, comunque, tamquam non esset la decisione di cui al Comunicato n. 200/2018 del Giudice Sportivo Lega B, rinviando il procedimento all’organo competente;
– di ritenere e dichiarare l’applicabilità dei termini di cui al C.U. 32/2018 FIGC a tutte le partite dei play off, compresa la finale e, per l’effetto, di dichiarare la decisione di cui ai Comunicati 168 e 172 del 2018 della CSA nulli e/o, comunque, tamquam non esset, con conseguente rinvio del procedimento all’organo competente;
– di ritenere e dichiarare la decisione impugnata viziata per omessa pronuncia su un punto decisivo della controversia che ha formato oggetto di disputa tra le parti per i motivi di cui al punto B) e, per l’effetto, di rinviare il procedimento al giudice competente;
– di ritenere e dichiarare l’applicabilità alla fattispecie della norma di cui all’art. 17, comma 4, C.G.S. lettera b) adottando il provvedimento della punizione sportiva della perdita della gara in danno del Frosinone;
– di ritenere e dichiarare, comunque, l’applicabilità alla fattispecie della norma di cui all’art. 17, comma 4, C.G.S. lettera c), ordinando la ripetizione della gara di ritorno dei play off della stagione sportiva 2017/2018 del 16 giugno 2018 tra Frosinone e Palermo;
– di ritenere e dichiarare la decisione impugnata viziata per contraddittorietà e/o insufficienza della motivazione per i motivi di cui al punto C) e, per l’effetto, rinviare il procedimento al giudice competente;
– di ritenere e dichiarare l’applicabilità alla fattispecie della norma di cui all’art. 35, comma 1.3, C.G.S., con conseguente remissione del procedimento al giudice competente;
– di ritenere e dichiarare la decisione impugnata viziata per omessa pronuncia su un punto decisivo della controversia che ha formato oggetto di disputa tra le parti per i motivi di cui al punto F) ed E) e, per l’effetto, rinviare il procedimento al giudice competente”.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 11 mesi fa

    Ormai è tutto deciso, l’unica cosa da fare è ritirare la squadra,lo dico con grande dolore,ma almeno non si partecipa al lerciume.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Davide Citrolo - 11 mesi fa

    Tentar non nuoce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ina Livecchi - 11 mesi fa

    Speriamo bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-1072947 - 11 mesi fa

    Il Palermo fa bene a lottare fino alla fine, per difendere la dignità di noi palermitani e della giustizia in generale. Ma leggendo i commenti capisco che non è il Palermo meritevole della serie b ma noi palermitani. Ma possibile che critichiamo sempre senza agire e cercare di migliorare le cose? Io amo i colori rosanero e quindi spero che vadano sempre meglio. Per i commenti che leggo dico che ho fatto bene ad andarmene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Domenica Cutino - 11 mesi fa

    Finché c’è 1 possibilità dobbiamo giocarcela, certo poi in serie A con chi giochiamo !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Rosario Valenti - 11 mesi fa

    Atto dovuto, ma non cambierà niente. I caciottari tira palloni l’hanno spuntata. Punterei di più sul processo Parma, quello sì che è assurdo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Valerio Anastasio - 11 mesi fa

    Società che non perde occasione per perdere gli ultimi brandelli di credibilità. La barzelletta del calcio italiano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Samuele Vassallo - 11 mesi fa

    Vincere, in casa, la penultima e fondamentale partita contro un Cesena già salvo e in crisi era impresa ardua, eh? Basta così. B meritata. A Frosinone squadra sbagliata, centrocampo leggero per dare vetrina a Nestorovski, partita preparata malissimo e, per carità, arbitro non all’altezza. Ma poi in A che ci andiamo a fare? A sfruttare l’effetto Ronaldo per andare a vedere Palermo – Juventus?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giorgio Mezzotti - 11 mesi fa

    😀 😀 😀 😀 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Sergio De Persio - 11 mesi fa

    Zelig ve fa un baffo……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Antonio Amuso - 11 mesi fa

    Il 3 grado di giustizia sportivo è un organo inutile perché mai da quando esiste ha ribaltato una decisone della corte federale ! Serve solo X illudere !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Franco Neri - 11 mesi fa

    Siamo troppo avanti nella Stagione,sono stati diramati i calendari,non cambierà nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-5345498 - 11 mesi fa

    Ben fatto. Al di là di quello che potrà succedere, visto come vanno da schifo le cose in Italia, è giusta lottare fino alla fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Gianluca D'anna - 11 mesi fa

    Ma perché ancora con sti ricorsi ma basta, che vadano per la loro strada e noi per la nostra..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Salvo Martorelli - 11 mesi fa

      Semplice… per non fare mercato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gianluca D'anna - 11 mesi fa

      Si ma anche in serie A sempre un mercato scarso farebbe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alberto-Londra - 11 mesi fa

      Perché l’anno prossimo ad ogni partita si ricorderanno della porcata che hanno fatto. Mica possono farle 2 anni di fila.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Quando ci degneranno di una risposta, quando Zamparini avrà venduto tutti???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Federico - 11 mesi fa

      Non appena termina la stagione 2018/2019

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ah, ecco!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy