Palermo-Lazio: De Zerbi pensa al ritorno alla difesa a tre. Sorpresa Jajalo dal 1′?

Palermo-Lazio: De Zerbi pensa al ritorno alla difesa a tre. Sorpresa Jajalo dal 1′?

Fiducia a tempo: De Zerbi contro la Lazio si gioca tutto e potrebbe pensare al cambio di modulo. E Diamanti rischia l’esclusione.

3 commenti

Sei sconfitte consecutive, diciotto gol incassati in sei gare e poche certezze.

È un momento tutt’altro che positivo per il Palermo di Roberto De Zerbi, reduce dal ko di Bologna. Il tecnico lo sa: già contro la Lazio, domenica ad ora di pranzo, dovrà tornare a fare punti o sarà (probabilmente) addio. E per farlo, dovrà certamente cambiare qualcosa… e uomini.

La prima mossa – scrive l’edizione odierna de ‘La Repubblica’ – dovrebbe essere il ritorno alla difesa a tre. Davanti al portiere Posavec, con Rajkovic e Gonzalez out, le alternative non sono tantissime. In attesa di capire se Cionek potrà essere disponibile, in questo momento i possibili titolari sono Vitiello, Goldaniga e Andelkovic, con Rispoli e Aleesami che aggirerebbero qualche metro più avanti. In mezzo al campo, qualora Hiljemark non dovesse recuperare in tempo, potrebbe trovare spazio Chochev; mentre Jajalo potrebbe entrare in ballottaggio con Gazzi. Anche se non sarebbe da escludere un centrocampo tutto interdizione con entrambi. In questo caso, Bruno Henrique potrebbe anche agire sulla linea dei due trequartisti. E rischia di non essere della gara, o almeno non dal primo minuto, Diamanti. A completare l’undici titolare, uno fra Sallai e Lo Faso, oltre al solito Nestorovski.

Palermo: Diamanti non convince Zamparini, contro la Lazio partirà dalla panchina? VOTA

 

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Roy Pedivellano - 2 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Franco Pitarresi - 2 settimane fa

    Allora vinciamo di sicuro…..con jaialo in campo non abbiamo rivali in C2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo Manasseri - 2 settimane fa

    Sorpresona

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy