Iachini: “Ritiro in Friuli? Zamparini è stato vicino alla squadra. Il patron ha cuore d’oro, poi arrivano le partite e…”

Iachini: “Ritiro in Friuli? Zamparini è stato vicino alla squadra. Il patron ha cuore d’oro, poi arrivano le partite e…”

Il tecnico del Palermo: “E’ stato bello ritrovarci. Il ritiro non era una punizione, ma una prevenzione”

Commenta per primo!

“Non ho mai dubitato di Zamparini, mi attenevo ai nostri colloqui. In passato sarà successo diversamente, ma il presente è una storia diversa. In due anni e mezzo abbiamo costruito lavoro e principi che il patron apprezza”. Lo ha detto Beppe Iachini, intervistato dal ‘Giornale di Sicilia’. Tutti in ritiro per sovvertire un trend fin troppo negativo: a Gradisca d’Isonzo, sotto gli occhi attenti di Maurizio Zamparini, il Palermo ha ritrovato se stesso e, a Bologna, tre punti preziosi. “E’ stato bello ritrovarci. Non era una punizione, ma una prevenzione. Forse c’era anche un po’ di scaramanzia (ride, ndr). Zamparini ci è stato sempre vicino. Il primo giorno ci ha detto che guardando i filmati degli avversari ci rimbambivamo, l’ha fatto per sdrammatizzare – ha dichiarato Iachini -. E’ stato utile anche non parlare sempre di calcio. Il presidente a cena ci ha raccontato la sua vita e gli abbiamo detto che se scrivesse un libro sarebbe un bestseller. Sembra barbuto e incazzoso, ma ha un cuore d’oro e disponibile. Poi però arrivano le partite e le ore successive…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy