Iachini: “Palermo, la salvezza non è partita chiusa. Baccaglini? Non posso giudicare, ma…”

Iachini: “Palermo, la salvezza non è partita chiusa. Baccaglini? Non posso giudicare, ma…”

Le parole di Giuseppe Iachini, ex tecnico di Palermo ed Udinese che questo pomeriggio si daranno battaglia a partire dalle 18 alla Dacia Arena di Udine.

Commenta per primo!

Sarà lo spettatore d’eccezione del match della Dacia Arena di Udine tra i padroni di casa ed il Palermo, dal divano di casa Iachini il doppio ex Beppe dovrà dividersi tra bianconeri e rosanero, ma forse un lato di cuore riuscirà a prevalere sull’altro.

Prima da giocatore, nelle stagioni che vanno dal 1994 al 1996, e poi da tecnico dei record dal 2013 al 2016, Palermo è rimasta tatuata indelebilmente nel cuore di Giuseppe Iachini che da qui a fine campionato farà il tifo per gli uomini di Diego Lopez impegnati nella difficile corsa alla salvezza. Al Castellani di Empoli, con calcio d’inizio alle ore 12.30, gli azzurri se la vedranno con il Napoli, dunque treno salvezza da non perdere per i siciliani che alle ore 18 sapranno già il risultato dei toscani e potranno mettere in campo motivazioni in più per cercare di accorciare il gap che momentaneamente risulta essere di 7 punti. La sosta per le Nazionali (con l’Italia attesa al Barbera il 24 marzo nel match contro l’Albania, ndr) chiarirà le idee ai rosanero nell’ottica dello sprint finale che, tutti i tifosi, sperano possa concludersi come fatto la scorsa stagione.

Tra i protagonisti del campionato scorso conclusosi con il lieto fine, c’era anche Beppe Iachini. Primo tecnico della storia “Zamparini-Palermo” capace di concludere l’intera stagione in sella al cavallo rosanero, il piceno sembrava aver iniziato bene l’avventura in campionato salvo poi crollare psicologicamente e mentalmente fino all’esonero del 10 novembre, due giorni dopo il ritorno alla vittoria in casa contro il Chievo. Ritornato a febbraio, poi le dimissioni ad inizio marzo. Situazione più difficile quella di quest’anno per i rosanero, i punti in classifica sono meno ed il gap potrebbe risultare essere incolmabile. Ma Iachini non è dello stesso avviso.

Mi dispiace vedere il Palermo laggiù in classifica. La partita salvezza non è chiusa. E’ possibile, e non è solo una questione di matematica. A sprazzi il Palermo ha dimostrato di meritare più di quanto ottenuto sul campo, lì sotto tutte vanno pianissimo e i rosa non sono condannati

Attraverso le pagine de “Il Giornale di Sicilia” l’ex tecnico dei rosanero ci crede, contro l’Udinese il primo dei due treni da non perdere per raggiungere la salvezza, essendo l’Empoli impegnato prima contro il Napoli e poi, al rientro dalla sosta, all’Olimpico contro i giallorossi di Luciano Spalletti. Due partite proibitive per gli uomini di Martusciello, Lopez dovrà vedersela invece contro Udinese e Cagliari, due partite sulla carta più abbordabili. Il tecnico dei record, che ha raccolto 85 punti in B nella volata promozione del 2013-14, guarderà il match della Dacia Arena conoscendo i punti di forza e debolezza della compagine friulana, avendo guidato i bianconeri da inizio stagione fino all’ottobre scorso.

A tenere banco in casa rosanero non solo la questione salvezza, in tanti si chiedono quale futuro sarà per i siciliani in mano a Paul Baccaglini. Il fondo “Integritas Capital” e lo stesso Baccaglini poco convincono gli addetti ai lavori, tanti gli interrogativi ai quali la Lega dovrà dare risposta in fase di closing il prossimo aprile. Da Pedullà a Marco Bellinazzo de “Il Sole 24 Ore”, passando per Ilaria D’Amico e diverse altre firme del giornalismo italiano, Baccaglini non gode di buona nomina. Dal canto suo Iachini è rimasto legato, nonostante tutto, al patron Zamparini.

Non ho elementi per giudicare Paul Baccaglini, ma mi auguro che ci siano davvero risvolti positivi. Zamparini? Prima o poi dovrà andare in pensione, è complicato smettere per giocatori e tecnici, lo sarà anche per i presidenti 

Per avere le risposte sperate bisognerà attendere ancora qualche giorno, nello specifico il 19 aprile quando verrà resa nota la società acquirente del club rosanero e la successiva chiusura dell’operazione finanziaria del 30 aprile. A tifosi, addetti ai lavori e Beppe Iachini non resterà che attendere per conoscere quale futuro sarà con Paul Baccaglini, che con le sue frasi lascia comunque perplessi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy