Hiljemark, personalità e carattere: “Contro il Napoli vinciamo noi. Sarri, ecco mia risposta. Mertens, che piacere”

Hiljemark, personalità e carattere: “Contro il Napoli vinciamo noi. Sarri, ecco mia risposta. Mertens, che piacere”

L’intervista allo svedese

Commenta per primo!

Ci avreste scommesso tutti, o quasi. Se, a luglio scorso, Zamparini non avesse imposto a Oscar Hiljemark di indossare la maglia n.10, state certi che – poco dopo – la richiesta di poter vestire la casacca che è stata di Miccoli e Zauli l’avrebbe avanzata lo stesso svedese. Un ragionamento che poggia su due dei punti di forza del centrocampista classe ’92: carattere e personalità. Ci vuole tanto carattere per rispondere direttamente alle insofferenze di Sarri (relative ai differenti tempi di recupero delle due squadre impegnate mercoledì a Napoli), è necessaria tanta personalità per proferire le seguenti parole: “Domani al San Paolo finirà 2-1 per i rosanero”.

di Claudio Scaglione

D’accordo. Alla vigilia nessun calciatore dà per persa la partita che si appresta ad affrontare, anche se questa lo vedrà di fronte all’attuale migliore squadra del campionato. Ma la fermezza dipinta sul volto dell’ex Psv denota grande consapevolezza dei mezzi ritrovati in seno al club rosanero, adesso più compatto che mai. “Noi giochiamo ogni partita per vincere, questo è poco ma sicuro: andiamo a Napoli con la stessa ambizione, con la voglia di fare la gara – ha aggiunto Oscar in un’intervista a SkySport -. Sappiamo che il Napoli è una squadra molto forte, sta migliorando nel corso della stagione, ma il nostro obiettivo resta quello di andare al San Paolo per fare punti“.

La risposta a Sarri – “Non credo affatto che in un campionato così pieno di professionisti com’è quello italiano, qualche ora in più faccia la differenza. Credo che una squadra come il Napoli non avrà problemi dovuti al fatto che avrà riposato un giorno in meno di noi. Di sicuro speriamo che, se c’è un piccolo vantaggio, questo sia a favore nostro (ride, ndr)”.

Mertens, amici e agonismo – “Dries è un bravissimo ragazzo, un buon giocatore, ma soprattutto un grande amico. Sarà molto divertente sfidarlo e ritrovarlo dopo i mesi al Psv Eindhoven, sarà davvero un piacere giocare contro di lui domani. Per il Palermo è meglio se non gioca Mertens? Di sicuro quando giochi contro una squadra come il Napoli, non puoi contare sull’assenza di un singolo elemento piuttosto che di un altro, perché sono tutti forti. Se non gioca Dries, di sicuro ce ne sarà un altro altrettanto pericoloso tra i partenopei. Sarà una grande sfida e siamo pronti per sfidarli”.

Subito decisivo – “Impatto così positivo con la Serie A? Speravo sinceramente in un inizio come questo. Quando sono arrivato qui, volevo essere un punto importante per la squadra. Reputo il mio inizio di stagione abbastanza positivo, così come quello dei compagni. Sto trovando sempre più spazio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy