Frosinone-Palermo, avv. Di Cintio: “Le motivazioni del Coni creano rammarico. Bloccare i campionati…”

Frosinone-Palermo, avv. Di Cintio: “Le motivazioni del Coni creano rammarico. Bloccare i campionati…”

Il legale della Pro Vercelli ha espresso la sua opinione in merito al caso relativo al match tra i ciociari e i rosanero

Parla l’avvocato Cesare Di Cintio.

Pochi giorni fa, il Collegio di Garanzia del Coni ha annullato la sentenza emessa dalla Corte Sportiva d’Appello relativa al caso Frosinone-Palermo, reputando troppo tenui le sanzioni inflitte al club ciociaro in relazione alla gravità delle condotte tenute dai propri tesserati ed invitando la stessa corte, in diversa composizione, a riformulare la sentenza in congruità ai sensi degli articoli 17 e 35 del Codice di giustizia sportiva.

Frosinone-Palermo, tutto da rifare: il Collegio di Garanzia del Coni annulla la sentenza della CSA, le motivazioni

Un duro colpo per i rosanero, che saranno costretti al meno per il momento a restare in Serie B nonostante siano state riconosciute come fondate le argomentazioni sostenute in sede di ricorso. A commentare l’accaduto è intervenuto il legale esperto in diritto sportivo e che attualmente cura gli interessi della Pro Vercelli nel ricorso relativo al caso ripescaggi. Queste le sue dichiarazioni, rilasciate ai microfoni de Il Giornale di Sicilia: “Una beffa per il Palermo? Le motivazioni possono lasciare adito a qualche rammarico, visto che viene evidenziata una condotta sbagliata non in un partita della stagione regolare bensì in una finale playoff e che merita di essere sanzionata con l’art.17. Chiaro però che oggi non è più possibile applicarlo: e al Palermo la sanzione diversa serve a poco. Viene data una definizione di alterazione di gara in casi di questo genere. Il lancio di palloni ora è un episodio che il Collegio chiede venga sanzionato perché altera la competizione. Io ho fatto l’arbitro e nei campionati dilettantistici era abitudine tirare i palloni in campo e disturbare l’azione. In passato non veniva sanzionato“.

Il patron del club di Via del Fante, Maurizio Zamparini, ha apertamente esposto la sua intenzione di lottare per far sì che venga fatta giustizia, dichiarando di voler addirittura richiedere il blocco dei campionati fino alla risoluzione totale della questione. Uno scenario che, a detta di Di Cintio, è di complessa attuazione: “Tutto può succedere, tutto è possibile. Ma secondo me è complicato visto che i campionati sono già partiti, spesso in passato l’interesse del singolo è stato ritenuto recessivo rispetto all’interesse della collettività. L’ipotesi di rigiocare le partite è poco praticabile, a differenza della richiesta di risarcimento del danno“.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonino Albanese - 2 mesi fa

    tutti quello che succede se le a creato lui il Palermo non doveva mai scendere in b con i giocatori che sono stati a Palermo ma lui a preferito fare cassa .a fatto piu soldi col Palermo che in una intera carriera d’imprenditore….c’est un homme malhonnete a qui on ne peut pas faire confiance

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vincenzo Baio - 2 mesi fa

    Con i soldi si appiana tutto. Il “venditore immaginario” cerca soldi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Amedeo Portanova - 2 mesi fa

    Questa estate abbiamo assistito a schifezze su schifezze!!
    Mondo corrotto e disonesto da chi dovrebbe garantire la giustizia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy