Foschi: “Amo Palermo e la tifoseria. Mi accorgo che non ho più le energie per soddisfare appieno il club”

Le dichiarazioni del dirigente romagnolo.

4 commenti

Ore calde per il futuro di Rino Foschi. Il dirigente romagnolo sarebbe a un passo dall’addio.

“Non voglio assolutamente che passi il messaggio che io possa fare un passo indietro per insanabili divergenze strategiche tra me e il presidente sulla conduzione della politica di mercato o, ancor peggio, perché io non mi senta messo nelle condizioni ideale di poter svolgere il mio ruolo. Io e Zamparini stiamo decidendo cosa è meglio per entrambi, ma voglio ribadire che, se fossi costretto a rinunciare al mio incarico, è solo per ragioni personali e motivi di salute poiché, se devo essere il ds del Palermo, devo esserlo al 100% delle mie possibilità – ha detto lo stesso Foschi a Mediagol.it -. Amo questi colori e questa città, voglio avere la possibilità di vivere la squadra e girare per le vie di Palermo ogni giorno a testa alta con la coscienza a posto per aver fatto il mio dovere. Purtroppo mi rendo conto, in questi giorni, che la fatica pesa dal punto di vista fisico e mentale e la sera non ho le energie ideali per soddisfare appieno le aspettative del club. Tornare a Palermo era per me un sogno, il più grande della mia carriera, così come dover prendere di dovervi rinunciare sarebbe per il sottoscritto un dolore di proporzioni inquantificabili. Con Zamparini non ci sono appuntamenti telefonici in agenda a breve con il presidente, magari ci sentiremo più tardi, ma non esistono tempi o scadenze definite per prendere una decisione definitiva“.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Giacalone - 2 mesi fa

    ti lascio perché ti amo troppo….anzi perché non ti merito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Avete distutto la squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Maniscalco - 2 mesi fa

    Sono frasi suggerite da zamparini,e’stato pagato per dire queste dichiarazioni,sappiamo tutti dove sta la verita’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Michele Consiglio - 2 mesi fa

    No, questa non è la verità. La verità è che una persona come te, affezionata a Palermo e ai palermitani, non poteva sopportare la strategia annientativa subìta dalla squadra e della società rosanero da parte del suo padre padrone friulano. Non potevi fare di meglio e ne sono sicuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy