Di Carlo-Mediagol: “Palermo squadra più forte, ma occhio al Cittadella. Serie A? Sono certo di una cosa…”

Di Carlo-Mediagol: “Palermo squadra più forte, ma occhio al Cittadella. Serie A? Sono certo di una cosa…”

L’intervista esclusiva rilasciata ai microfoni di Mediagol.it dal tecnico del Chievo Verona, che in passato ha vestito la maglia del Palermo

Di Andrea Geraci

Parola a Domenico Di Carlo. Nonostante la matematica retrocessione in Serie B, il tecnico del Chievo Verona intende chiudere la stagione in maniera dignitosa, dando del filo da torcere alle squadre che affronteranno la compagine veneta fino al termine del campionato.

Intervistato in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it, il coach originario di Cassino ha detto la sua sulla possibilità che il Palermo di Delio Rossi riesca a staccare il pass per la Serie A senza passare dai play-off. Di seguito, le sue dichiarazioni.

Ormai non c’è scampo, tutto si deciderà in novanta minuti. Il Palermo ha buttato via le partite con Padova, Livorno e Spezia, ma ha ancora qualche possibilità. Due sfide impegnative per i rosanero e per il Lecce. Il campionato di Serie B è bello per la sua imprevedibilità, bisogna mantenere i nervi saldi, essere lucidi e non farsi prendere da ansie. Il Palermo deve avere occhi solo per il Cittadella e provare a prendere i tre punti che sarebbero, comunque, un’iniezione di fiducia. Poi, dovesse vincere anche il Lecce, c’è da prepararsi per i play-off. E una vittoria ti dà sempre morale. Il Palermo secondo me è in assoluto la squadra più forte”, sono state le sue parole.

ATTENTI AL CITTADELLA – “Chi ha l’impegno più difficile? Il Palermo, perché il Cittadella deve fare punti per andare ai play-off, mentre lo Spezia è praticamente dentro. Però sono due partite difficili, tutto può succedere. L’importante è che il Palermo faccia la sua parte. Dovesse passare il Lecce, nessun problema però: i rosa hanno l’organico più forte delle altre avversarie”.

NESTOROVSKI VS LA MANTIA – “Saranno decisivi gli attaccanti, anche se il Palermo deve rinunciare allo squalificato Moreo. Ma restano Nestorovski e Puscas ed è già tanta roba. Bomber che possono cambiare la partita da un momento all’altro. Nel Lecce, La Mantia e Mancosu non sono da meno. Una vera battaglia a suon prodezze”.

DELIO ROSSI E LIVERANI – “Liverani sta dimostrando le sue qualità. A Terni e a Lecce ha compiuto delle vere imprese. Con la sua idea di gioco è riuscito a dare anima e consistenza ai pugliesi. Delio Rossi non si discute, a Palermo ha lasciato grandi ricordi e anche se negli ultimi anni ha sofferto è un piacere rivederlo in una panchina come quella rosanero”.

PLAYOFF –Basta guardare la classifica per capire che ci sono troppi incastri. Il Perugia, in casa con la Cremonese, deve vincere per forza e la Cremonese è costretta a fare risultato. Ci sono anche Cittadella, Spezia, Verona in agguato, è tutto un rebus. Avrà la meglio chi sta meglio fisicamente e mentalmente. Sono convinto solo di una cosa: il Palermo, o direttamente o ai play off, è la favorita per la A“, ha concluso l’ex calciatore rosanero.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy