Corriere Veneto: “A Palermo con gli allenatori cose mai viste, questione di stile”

Corriere Veneto: “A Palermo con gli allenatori cose mai viste, questione di stile”

L’edizione veronese del Corriere della Sera sottolinea le differenze gestionali dei due club.

Commenta per primo!

Il Corriere Veneto analizza la sfida del Bentegodi tra Chievo e Palermo.

All’andata i veronesi persero 1-0 con gol di Gilardino, ma ad esonerare l’allenatore furono proprio i rosanero. “Quel successo tuttavia non portò bene a Beppe Iachini – ricorda il quotidiano -, che venne esonerato dall’insofferente Zamparini. Da quel giorno il campionato del Palermo si è trasformato in un festival del precariato, inversamente proporzionale agli umori del presidente: in panchina, dopo il buon Beppe si sono succeduti, Ballardini, Viviani, Schelotto, la coppia Tedesco-Bosi, fino a ritornare a un clamoroso Iachini-bis durato giusto il tempo per mandare in scena l’ennesima baruffa chiozzotta. Cose mai viste ad altre latitudini, ma non a Palermo dove alle girandole in panchina, come sappiamo, sono ben avvezzi. Ora è il turno di Walter Novellino che dispensa ottimismo: «I ragazzi stanno lavorando bene e sono convinto che usciremo da questa situazione. Il campionato è ancora lungo». Chi vivrà vedrà. Al contrario, il Chievo, reduce allora da una serie preoccupante di tre pareggi e quattro sconfitte nelle ultime sette gare, ha saputo tenere i nervi saldi e compattarsi attorno a Rolando Maran. I fatti gli hanno dato ragione: la squadra ha ingranato la marcia e risalito la china fino a raggiungere la quasi matematica salvezza e l’attuale decima posizione in classifica. Stili diversi. A ognuno il suo. Anche per questo la sfida di domenica al Bentegodi offre spunti intriganti”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy