ZAMPARINI:”Chi contesta non sa neanche perché”

ZAMPARINI:”Chi contesta non sa neanche perché”

“È chiaro che dallanno scorso, da quando si dice che Rossi non si tocca, si è creato un rapporto nuovo con la tifoseria. In Italia sta succedendo ovunque la stessa cosa. Abbiamo dato.

Commenta per primo!

“È chiaro che dallanno scorso, da quando si dice che Rossi non si tocca, si è creato un rapporto nuovo con la tifoseria. In Italia sta succedendo ovunque la stessa cosa. Abbiamo dato spazio alle voci di chi vuole solo protestare. Ci sarà sempre chi protesterà, anche solo un 5%. Mediamente rimango male per i fischi, perché ci metto tanto impgno, tutto lanno, però succede ovunque e anzi mi meravigliavo non succedesse a Palermo. Però quando vado in giro per Palermo mi rendo conto che la gente non vuole che me ne vada, anzi è orgogliosa di quello che è oggi il Palermo, di cui sono orgogliosi tutti i palermitani del mondo. Erano orgogliosi di una squadra di cui parlano in tutto il mondo, di un nome che non si sente per la mafia. Erano i veri palermitani, oggi la situazione si è incancrenita una protesta, ma non sanno nemmeno perché, è vero che siamo usciti dalla coppa, ma questi che mi dicono di andarmene…”. Così il presidente del Palermo Maurizio Zamparini ha voluto proseguire il suo discorso sulle contestazioni subite dalla società di Viale del Fante.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy