RIBALTONE A PALERMO “ZAMPATA” DEL PATRON: VIA GASP, ORA ADDIO VICINO PER LO MONACO

RIBALTONE A PALERMO “ZAMPATA” DEL PATRON: VIA GASP, ORA ADDIO VICINO PER LO MONACO

di Alessandro Rubino Clamoroso a Palermo, ennesimo ribaltone: salta il tecnico Gasperini, imminente il divorzio con lamministratore delegato Lo Monaco. Panchina a Malesani, può rientrare in.

Commenta per primo!

di Alessandro Rubino Clamoroso a Palermo, ennesimo ribaltone: salta il tecnico Gasperini, imminente il divorzio con lamministratore delegato Lo Monaco. Panchina a Malesani, può rientrare in società Perinetti. Ma andiamo con ordine: dopo la sconfitta di ieri dei rosanero nel confronto interno con lAtalanta lormai ex allenatore del Palermo è uscito tra i fischi del “Renzo Barbera” e nel post partita il silenzio stampa del club di Viale del Fante era sembrato piuttosto eloquente. Aria pesante, esonero probabile e squadra che sarebbe dovuta andare in ritiro a Roma. Il patron Zamparini opta per una notte di riflessione, cominciano le frizioni anche con il direttore Lo Monaco: la crisi anche fuori dal campo è servita. La squadra è forte e si salverà, questa lestrema sintesi del comunicato diramato tramite il sito ufficiale della società da parte di Zamparini, poi i primi rumors su tutti i possibili scenari. La notte passa e già dalle prime ore del mattino la situazione pare chiara a tutti: Gasperini destinato a saltare, Lo Monaco in bilico e Palermo nel caos. Numeri schiaccianti, impietosi, per il mister di Grugliasco: squadra ultima in classifica, nove turni senza vittoria. Conferma impossibile. La novità è però costituita dalle tensioni tra il patron e lamministratore delegato, re del mercato di gennaio; nel frattempo prende corpo lipotesi di un ritorno dellex direttore generale Perinetti. Inizia un giorno di incontri importanti: prima, durante e dopo pranzo le riunioni tra i vertici del club e le due figure dalle posizioni ormai tuttaltro che salde. Il risultato è scontato: via lallenatore piemontese, strappo insanabile con il dirigente ex Catania. E il primo indiziato per la sostituzione di Gasperini, il marsalese Marino (uomo di Lo Monaco), superato in curva da Malesani (uomo del presidente): tutti ex tecnici del Genoa, stesso club nel quale ha lavorato il dirigente Capozucca (anche lui, secondo alcune voci, candidato alla poltrona da uomo di riferimento per il dopo Lo Monaco). Contratto fino a giugno con opzione per la prossima stagione, Alberto Malesani pronto a prendere il timone del Palermo: ritiro romano annullato e dimissioni programmate, invece, per Lo Monaco. Nel frattempo si avvicina il ritorno di Perinetti, che era stato praticamente accompagnato alla porta soltanto pochi mesi fa dopo larrivo dellamministratore delegato ora pronto a lasciare. Situazione paradossale, scenario in costante evoluzione in queste ore. La piazza palermitana è ormai abituata ai colpi di testa della proprietà, ma questa volta lhanno presa tutti male: non soltanto i tifosi, ieri usciti a testa bassa dallo stadio e senza neanche la forza e la voglia di contestare, ma anche tutti gli addetti ai lavori. Rivoluzione rosanero, ancora una volta si cambia. Basterà per salvare una stagione stregata come questa?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy