PES 2012: LA RECENSIONE DI MEDIAGOL.IT – TANTE NOVITÀ PER SPODESTARE FIFA

PES 2012: LA RECENSIONE DI MEDIAGOL.IT – TANTE NOVITÀ PER SPODESTARE FIFA

la recensione di Mediagol.it Cera un tempo in cui PES era il calcio virtuale senza discussioni, in cui FIFA lo comprava chi non aveva mai provato altro, chi si faceva ingannare dalla copertina o.

Commenta per primo!

la recensione di Mediagol.it Cera un tempo in cui PES era il calcio virtuale senza discussioni, in cui FIFA lo comprava chi non aveva mai provato altro, chi si faceva ingannare dalla copertina o trasportare dallabitudine. Poi sono arrivate le console di ultima generazione e tutto è cambiato. Oggi la Konami è chiamata a inseguire e a destarsi dal suo sonno creativo: vediamo insieme quali sono i risultati. Giocabilità: ottime le novità, ma… Senza preamboli vi diciamo subito che a livello di giocabilità qualcosa è cambiato e in meglio. Finalmente il resto della squadra, non solo il calciatore in possesso della palla, avrà un comportamento decisamente attivo rispetto al solito tentando di smarcarsi per dettare il passaggio, proponendosi e effettuando movimenti e attaccando la profondità. Un qualcosa che nella concorrenza esiste già da diverse edizioni e che è stato senza dubbio il primo passo verso la consacrazione di FIFA. Ma PES tenta di andare addirittura oltre, implementando lOff the Ball, ovvero la possibilità di controllare con la levetta analogica destra i giocatori senza palla mentre la propria squadra sta attaccando, in modo da avere il controllo non solo di chi sta per smistare il passaggio, ma anche di chi riceverà leventuale disimpegno. Se queste innovazioni possono offrire qualcosa in più sul profilo del gioco dattacco rispetto alle edizioni precedenti, va comunque detto che rimane lo storico difetto dei movimenti sui “binari”, sui passaggi e in generale in tutte le fasi di gioco ci sentirà quasi intrappolati, salvo farci labitudine, in delle traiettorie molto rigide nella corsa dei calciatori. Per completare il discorso relativo alla giocabilità è innegabile un miglioramento importante nella fase difensiva gestita dal computer, adesso veramente complessa da aggirare, mentre i portieri andranno in bambola con una facilità irrisoria tanto che a forza di esibizioni indecorose nelle versioni di prova la Konami ha già deciso di pubblicare tra qualche giorno un aggiornamento che corregga questo incredibile problema. Modalità di gioco: Club Boss per essere nuovo Zamparini Tra le novità della modalità di gioco spicca la Club Boss, sbloccabile attraverso i crediti guadagnati nella Master League. Si tratta di impersonare la gestione societaria dello Zamparini o della situazione, gestendo aspetti quali il budget, la scelta del tecnico ed eventualmente il suo esonero. Un approccio più manageriale che potrebbe diventare una sorpresa interessante, pur senza darci modo di interagire a livello diretto nel corso dei match. La Master League è stata rinnovata con lintroduzione del vice-allenatore che ci farà da guida nella nostra avventura e con limplementazione di una serie di variabili ambientali e psicologiche sulla gestione del gruppo di giocatori. Alla fine della giostra però lo scopo sarà sempre quello di portare alla gloria una squadra (obbligatoriamente creata per loccasione e non più un club reale) che annovera in rosa gli eredi di Cellino, Miranda e Valey. Infine. nella modalità Diventa un mito la guida del procuratore apporterà una ventata di novità. Licenze e calciomercato, solito dramma Il capitolo licenze è il solito “dramma” Konami, almeno per quanto riguarda le squadre di club. E vero, cè il Palermo e tutta la Serie A, la Champions League e la Libertadores, ma risulta inaccettabile che dellintera Premier League siano realizzate nei particolari soltanto Tottenham e Manchester United. Oltre tutto al momento delluscita PES 2012 si presenterà al suo pubblico con tutti i trasferimenti aggiornati allo scorso campionato. Sorridiamo soltanto nel rivedere i loghi ufficiali del Palermo in un videogioco, lanno scorso era stato un anno nero da questo punto di vista, e nel poter così disputare una partita da sogno in Champions League, magari contro il Barcellona. Con la grafica eccellente che rimane la migliore sul mercato latmosfera da brividi è assicurata: se non dovessero riuscirsi Mangia e i suoi a centrare la difficilissima qualificazione nella massima competizione europea per club vi suggeriamo di accendere la vostra console e godervi lo spettacolo. A cura di Mariano Calò

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy