NUMERI E STATISTICHEPALERMO-NAPOLI 0-3

NUMERI E STATISTICHEPALERMO-NAPOLI 0-3

Di Fabrizio Anselmo Che non sarebbe stato un incontro facile, era facile capirlo, bastava dare una lettura alle formazioni per accorgersi che l’undici di mister Sannino non avrebbe avuto vita.

Commenta per primo!

Di Fabrizio Anselmo Che non sarebbe stato un incontro facile, era facile capirlo, bastava dare una lettura alle formazioni per accorgersi che l’undici di mister Sannino non avrebbe avuto vita facile contro la ben più rodata formazione di Walter Mazzarri. Il risultato finale 0-3 è probabilmente un risultato troppo severo per i rosanero che nelle statistiche non si discostano troppo dai numeri del Napoli. Durante i 98 (49+49) minuti di gioco, i rosa hanno tenuto il pallino del gioco per il 44% del tempo in cui sono stati nella metà campo avversaria per 6 minuti e 59 secondi, collezionando 6 calci d’angolo e tirando 18 volte di cui solo 6 nello specchio della porta, il Napoli invece a fronte di un possesso del 56%, è stato nella metà campo rosa per 10 minuti e 44 secondi, battendo 5 calci d’angolo e centrando lo specchio della porta per 7 volte su 13 tentativi. Nel possesso palla, un dato importante è quello delle palle giocate, 484 con una percentuale di 62,9% di passaggi riusciti per il Palermo, 567 passaggi ed una percentuale del 67% per gli azzurri, dato che da forza alla supremazia territoriale del Napoli. Le statistiche sulla “pericolosità”, ovvero l’indice che misura la produzione offensiva di una squadra che considera tra le variabili: la capacità di mantenere il possesso palla, la capacità di verticalizzare, la capacità di giungere al tiro, la capacità di creare occasioni da rete, assesta il Palermo ad uno sterile 34%, mentre il Napoli, con un indice del 64%, quasi il doppio, conferma la differenza tra le due compagini in questa prima partita della stagione. Passando ai dati statistici individuali, il “recordman” della partita, nella classifica delle palle recuperate, è Mauro Cetto 20, a seguire Behrami e Bertolo con 18 e Cannavaro con 16, mentre la classifica sui passaggi riusciti è un tripudio azzurro con al primo posto Campagnaro 52, Behrami 48, Aronica 45, Inler 37. Nella classifica dei tiri, al primo posto il “solito” Miccoli con 8 tiri, seguito da Cavani e Hamsik 4 e Migliaccio 3. Nelle statistiche generali della giornata, il solo Miccoli è presente, al secondo posto con 4 assist insieme a De Sciglio del Milan, Pirlo della Juventus e Pizarro della Fiorentina, e dietro a Cossu del Cagliari e Snejder dell’Inter con 5, mentre nella classifica generale dei tiri, Miccoli è al primo posto con 8 tiri, davanti a Jovetic 7, e Boateng 6. Il Palermo, nonostante la sconfitta, è al terzultimo posto, per via delle penalizzazioni di Siena (-5) e Atalanta (-2), e nel prossimo turno farà visita alla Lazio, vittoriosa in trasferta contro l’Atalanta con un gol del “profeta” Hernanes.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy