MICCICHÈ: “Aronica poteva venire in passato,ora..”

MICCICHÈ: “Aronica poteva venire in passato,ora..”

A margine dell’intervista rilasciata alla trasmissione “Amore Azzurro”, il vice-presidente del Palermo Guglielmo Miccichè ha anche parlato del presunto interesse della società di Viale.

Commenta per primo!

A margine dell’intervista rilasciata alla trasmissione “Amore Azzurro”, il vice-presidente del Palermo Guglielmo Miccichè ha anche parlato del presunto interesse della società di Viale del Fante per il difensore del Napoli Salvatore Aronica, lodato pubblicamente anche dal patron Maurizio Zamparini. “Se vogliamo prenderlo? No, anch’io posso tessere le lodi di questo giocatore che ammiro da sempre, in qualche occasione poteva anche arrivare a Palermo ma sfortunatamente non siamo riusciti a prenderlo. Parliamo di un giocatore eccellente che a inizio stagione nelle eventuali formazioni di partenza del Napoli non viene inserito e poi puntualmente si guadagna il posto sul campo, quest’anno sta dimostrando il suo valore anche in Champions con prestazioni di grande generosità e qualità. Noi l’abbiamo sempre stimato, ma pensare che possa giocare nel Palermo al momento è frutto dell’immaginazione. Poi ho sentito che il Napoli gli ha proposto un rinnovo di contratto e penso che resterà in azzurro facendo la fortuna della squadra partenopea”. Chiusura sulle scelte di mercato della società rosanero, che punta molto sulla ricerca di nuovi talenti sui mercati esteri. “Perché si preferisce prendere i giovani stranieri e non prendere in considerazione quelli italiani? Questo è vero in parte, noi siamo attenti anche ai campionati italiani, non solo la Serie B ma anche la Lega Pro. La verità è che il mercato sudamericano offre tantissimo, Argentina e Brasile sono le piazze più battute ma per esempio Vargas è stato pescato dal Napoli in Cile e oggi ci sono giocatori colombiani e venezuelani di altissimo livello. Non c’è dubbio che il calcio sudamericano sia in grandissima evoluzione e che presenti tante eccellenze, nei nostri campionati minori ci sono sicuramente prospetti interessanti come Insigne o Immobile del Pescara, ma sono già di proprietà delle grandi società, quindi spesso ci indirizziamo verso i campionati sudamericani perché danno opportunità maggiori”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy