LE PAGELLE DI MEDIAGOL.IT PALERMO-CATANIA 1-1

LE PAGELLE DI MEDIAGOL.IT PALERMO-CATANIA 1-1

VIVIANO 6,5 – Continua a prendere gol senza che possa far nulla per evitarli. Anzi, nel recupero evita il tracollo con un intervento reattivo su conclusione insidiosa di Catellani. MUNOZ 5.

Commenta per primo!

VIVIANO 6,5 – Continua a prendere gol senza che possa far nulla per evitarli. Anzi, nel recupero evita il tracollo con un intervento reattivo su conclusione insidiosa di Catellani. MUNOZ 5 – Brutti clienti, Marchese e Gomez, e quest’ultimo fa quasi sempre tutto ciò che vuole dalle sue parti, risultando alla lunga il migliore in campo. SILVESTRE 5 – Quando Legrottaglie è da solo davanti all’area piccola, pronto a sfruttare il regalo fattogli da Barrientos e dall’intera difesa rosanero, lui è immobile e guarda agli eventi come non vi partecipasse in prima persona. MIGLIACCIO 5,5 – Anche lui non brilla per reattività nell’azione del vantaggio etneo, ma poi mette la testa dove può e spesso cava i suoi dagli impicci. MANTOVANI 5 – Attore coprotagonista della banda delle statuine sullo 0-1, gioca una partita anonima largo a sinistra. Barrientos lo mette spesso in difficoltà. BARRETO 6 – In cotanto grigiore, lui almeno usa i suoi polmoni e quelli supplementari per recuperar palla. Insegui i rossazzurri con furore e spesso con successo. E’ quello che avviene dopo, il problema. DONATI 4,5 – Davanti a sé ha Lodi, calciatore che da trequartista è stato reinventato regista, seguendo la stessa parabola di Pirlo. Ebbene, il playmaker etneo dà una grande lezione a quello che invece regista lo è di ruolo. Lui si perde in mille verticalizzazioni inutili, sbaglia appoggi elementari, è completamente fuori partita. BERTOLO 6,5 – E’ tra i più positivi. Grande assist per Miccoli, e sfiora il gol in due occasioni. Non si capisce perché sia stato sostituito a tre minuti dalla fine: terrore di poter vincere? ILICIC 5 – Partecipa al gioco, ma in modo scolastico, mai incisivo. Sarebbe forse meglio che per un po’ tirasse di più in allenamento e meno in partita. Forse meriterebbe un rigore sul finire del primo tempo. MICCOLI 7 – Spesso si dice che nei suoi confronti si ha un occhio di riguardo. Quand’anche fosse vero, sarebbe presto spiegato: è l’unico, vero grande talento che veste il rosanero, e l’unico, oltretutto, a togliere sempre le castagne dal fuoco. Certo, se fosse meno nervoso sarebbe meglio. HERNANDEZ 5 – Gioca quasi sempre lontano dall’area di rigore, e raramente viene lanciato negli spazi. Proprio prima di uscire dal campo sfiora il gol che avrebbe fatto crollare lo stadio: rovesciata fuori di un niente. BUDAN Sv – Tocca al massimo due palloni. Non giudicabile. ZAHAVI Sv – Giusto il tempo di guadagnarsi un fallo che Rocchi incredibilmente non rileva. ACQUAH Sv – Un cross inguardabile, una chiusura in raddoppio e nulla più in tre minuti più recupero. MUTTI 4,5 – Il primo tempo del suo Palermo è da spirale depressiva. Il Catania sembra giochicchiare e arriva a bussare da Viviano quando gli pare, e i suoi fanno una fatica tremenda solo ad avvicinarsi all’area etnea. Buono per veemenza il primo quarto d’ora della ripresa, ma ancora una volta i cambi lasciano più che perplessi: il culmine lo si raggiunge quando viene tolto forse il più positivo, Bertolo, per far entrare Acquah. Intanto è arrivato l’ennesimo pareggio, e l’agonia continua. Così non va. A cura di Fabio Corrao

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy