Gazzetta:Catania dalle false promesse, Pastore…

Gazzetta:Catania dalle false promesse, Pastore…

E’ un Palermo che ha soprattutto il merito di saper colpire con cinismo e concretezza quello visto da Francesco Caruso per la Gazzetta dello Sport. “Un, due, tre Pastore. Giù il cappello.

Commenta per primo!

E’ un Palermo che ha soprattutto il merito di saper colpire con cinismo e concretezza quello visto da Francesco Caruso per la Gazzetta dello Sport. “Un, due, tre Pastore. Giù il cappello davanti all’uomo derby. E che derby: avvincente, spettacolare, zeppo di gol. Bellissimo ancor prima dall’inizio. Quando i due presidente, Zamparini e Pulvirenti, a braccetto entrano in campo e vanno sotto la Curva a salutare i tifosi del Catania tornati alla Favorita dopo 4 anni di porte sbarrate e derby dimezzati. Maxi Lopez e Ricchiuti i gol li sfiorano, li sbagliano, li sprecano. Il Flaco (magro in spagnolo) ne segna 3 e tutti diversi: di testa, di destro e di sinistro. Giampaolo recupera potenza che va a prendere posto a destra ma perde Ledesma e Carboni, oltre ai soliti Spolli, Capuano, Bellusci. A sorpresa inserisce Martinho che affianca Delvecchio al centra della linea mediana con Biagianti un passo più indietro e Mascara e Gomez ai fianchi. La prima mezzora è una falsa promessa che il Catania non mantiene perché va vicinissimo al gol ripetutamente ma alla prima occasione dei padroni di casa si fa infilare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy