Diritti TV: trovato accordo,ci sarà più meritocrazia

Diritti TV: trovato accordo,ci sarà più meritocrazia

Dopo la lunga assemblea di Lega ieri a Milano, le società di Serie A hanno trovato laccordo per la ripartizione dei diritti tv fino al 2015. Come ha spiegato il presidente Maurizio Beretta,.

Commenta per primo!

Dopo la lunga assemblea di Lega ieri a Milano, le società di Serie A hanno trovato laccordo per la ripartizione dei diritti tv fino al 2015. Come ha spiegato il presidente Maurizio Beretta, è stata privilegiata la meritocrazia per la gestione dei proventi per la vendita dei diritti tv. “Per questanno – ha detto Beretta- si continuerà a seguire i criteri del 2011/12, ma con la novità del paracadute di 30 milioni di euro previsto per le squadre che retrocederanno. Nel prossimo biennio i ricavi incrementali verranno invece spartiti tra le prime dieci classificate del campionato precedente, privilegiando la meritocrazia”. Laumento delle risorse per i prossimi due anni dovrebbe essere di circa 150 milioni di euro, dagli attuali 866 ai 1006 del 2015. Contrario allaccordo era il Chievo, che avrebbe voluto aumentare la quota fissa uguale per tutte le squadre e adesso potrebbe fare ricorso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy